Borgo Vecchio, polizia entra in casa: sorpreso mentre tenta di "sbarazzarsi" del crack

Denunciato un giovane pregiudicato della zona, nei cui confronti pendeva il sospetto che potesse detenere droga. Nel corso di altri controlli sono scattati i sigilli in una sala giochi di via Ettore Ximenes

La polizia al Borgo

Girandola di controlli della polizia all'interno del quartiere Borgo Vecchio. I poliziotti del commissariato Politeama hanno fatto "irruzione" all'interno di una sala giochi di via Ettore Ximenes. "Qua sono stati individuati quattro apparecchi videopoker non conformi alla normativa vigente poiché non collegati ai Monopoli di Stato e quindi vi si sono apposti i sigilli", hanno spiegato dalla questura.

Numerosi anche i controlli effettuati dagli agenti nei confronti delle persone sottoposte agli arresti domiciliari per verificare il rispetto delle prescrizioni loro imposte. "Nell'ambito delle attività di controllo - hanno aggiunto dalla questura - i poliziotti hanno proceduto alla perquisizione nel domicilio di un giovane pregiudicato della zona, nei cui confronti pendeva il sospetto che potesse detenere droga". Intuizione che si è rivelata esatta: gli agenti hanno infatti rinvenuto 21 grammi di crack. "Il ragazzo - hanno spiegato dalla questura - ha tentato goffamente di disfarsi della droga all'arrivo dei poliziotti ma invano. I 21 grammi di crack sono stati sequestrati e il pregiudicato è stato denunciato".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento