Borgo Nuovo, sparatoria per lite condominiale: un morto e un ferito

E' accaduto in largo Pozzillo. All'origine dell'episodio ci sarebbe un litigio per questioni legate alla "convivenza" all'interno del condominio. Sul posto i carabinieri, che hanno arrestato Francesco Lo Monaco, 49 anni, per omicidio

Foto Richy Di Maio

Una lite condominiale è finita in tragedia nel primo pomeriggio in uno stabile di largo Pozzillo, nella zona di Borgo Nuovo. La vittima è Vincenzo Barbagallo, 68 anni. Il figlio Domenico, 48 anni, è rimasto ferito ed è ricoverato in ospedale. I due sono stati raggiunti da alcuni proiettili. A fare fuoco, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, è stato un vicino di casa Francesco Lo Monaco, 49 anni. L'uomo è stato arrestato per omicidio.

Tutto è accaduto tra le 13 e le 14. All'origine del fatto ci sarebbe una lite tra i due uomini per questioni legate alla "convivenza" all'interno del condominio.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, le mogli di Lo Monaco e Barbagallo avevano litigato intorno alle 13. Sembrava che la situazione si fosse calmata quando è nata una seconda discussione, ben più animata, tra i mariti delle due donne. Poi il delitto. Lo Monaco ha impugnato la pistola, una beretta calibro 7.65, e sono partiti i colpi. Vincenzo Barbagallo è stato raggiunto alla testa, una ferita per lui fatale. Il figlio della vittima è stato colpito da un proiettile al gluteo sinistro. Trasportato a Villa Sofia, i medici stanno lavorando per rimuovere il proiettile che si è fermato nell'emibacino. Non è in pericolo di vita.

Lo stesso aggressore si è poi barricato nel proprio appartamento e ha gettato l'arma in un giardino adiacente. I militari dell'Arma sono riusciti a entrare in casa e a bloccare Lo Monaco. Adesso deve rispondere di omicidio.

La figlia della vittima, 43 anni, vedendo il padre riverso per terra e il fratello ferito ha accusato un malore. Il personale del 118 l'ha condotta all'ospedale Cervello in via precauzionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento