Ucciso a colpi di lupara: strada di Bonagia intitolata all'uomo che vestiva sempre uguale

A Vincenzo “Nunzio” Sansone, segretario della Camera del Lavoro di Villabate, ucciso il 13 febbraio del 1947, sarà intitolata l'ex via della Lontra. Alla cerimonia parteciperà anche Leoluca Orlando

La strada di Bonagia che cambierà nome

Domani alle 9 sarà intitolata l'ex via della Lontra, nel quartiere Bonagia, a Vincenzo “Nunzio” Sansone, segretario della Camera del Lavoro di Villabate, ucciso il 13 febbraio del 1947. Alla cerimonia prenderanno la parola il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo, il sindaco di Villabate Vincenzo Oliveri, già presidente della Corte d'Appello di Palermo, e uno dei familiari. Saranno presenti la nipote Giuseppina Sansone e i pronipoti Enzo Sansone e Nino Castello. Quella intestata a Sansone è la quinta delle vie dei diritti  dedicate a sindacalisti e protagonisti delle battaglie del movimento contadino uccisi dalla mafia. 

“Sarà l'occasione per fare conoscere a tutti un pezzo della nostra storia sindacale e dare pieno riconoscimento alla memoria di un uomo coraggioso, caduto nella lotta per l'affermazione dei diritti dei braccianti poveri del suo paese. Un'attività che  dava  grande fastidio alla mafia e alla deteriore classe politica del paese  - dice il segretario generale  Cgil Palermo Enzo Campo - Nel periodo che va dal 1945 ai primi anni ’50, furono tanti i comuni della Sicilia dove si piansero le morti ingiuste di sindacalisti uccisi dalla mafia. A Villabate venne assassinato il nostro responsabile della Camera del Lavoro Sansone, a colpi di lupara. Un  storia che va assolutamente raccontata.  Il nostro intento è condividere con la collettività l’eredità lasciata da quel movimento di braccianti e operaio che subì gravi perdite lottando a mani nude contro il blocco sociale agrario e mafioso di quegli anni, che avanzava contro i contadini alla conquista delle terre”. 

“Vincenzo Sansone – dichiara Dino Paternostro, responsabile Legalità e memoria Cgil Palermo -  é stata una straordinaria figura di sindacalista dei poveri, dei senza-diritto, che nel secondo dopoguerra si è battuto per dare dignità ai tanti lavoratori a cui i padroni degli agrumeti della fascia costiera e i mafiosi loro complici la negavano. Oggi Sansone torna ad essere, insieme agli altri dirigenti sindacali assassinati dalla mafia, un punto di riferimento ideale per la lotta per i diritti e per la giustizia sociale”. 

La scheda

Vincenzo “Nunzio” Sansone, segretario della Camera del Lavoro di Villabate fu freddato a colpi di lupara dalla mafia mentre percorreva il tratto tra Villabate e il borgo di Portella di Mare. Era il 13 febbraio del 1947. Insegnante di lettere, sempre vicino agli ultimi per aver conosciuto in gioventù la fatica e gli stenti, voleva riscattare le masse operaie e contadine dalla loro miseria. Militante comunista impegnato nella lotta per la riforma agraria, fondatore e segretario della locale Camera del lavoro, organizzava i lavoratori della campagna per la raccolta dei mandarini. Aveva provato a fondare una delle prime cooperative agricole. Alla mafia, abituata ai modi ossequiosi della gente di campagna dava un grande fastidio il successo che Sansone riscuoteva tra la gente. 

Una delle ipotesi fu che avesse pestato i piedi a qualche proprietario terriero. La Camera del Lavoro di Villabate presto diventò il luogo di riferimento dove la gente poteva trovare una risposta ai propri bisogni. In quegli anni di guerre, coi bambini che camminavano scalzi per strada, Sansone chiese con una lettera gli aiuti del Piano Marshall, viveri, vestiario e soldi per i familiari dei morti in guerra.

Quando arrivarono i vagoni carichi di beni, quelli che comandavano in paese pretesero di impossessarsi della roba. Sansone, che lottava solo e sempre per il bene degli altri, fu minacciato e allontanato. Vincenzo Sansone aveva un solo completo, che indossava in estate e in inverno. Quando si consumò, coprì lo strappo con uno scialle. E andava coperto con lo scialle della nonna. Ha dedicato la sua vita ai poveri e agli orfani.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Se vestiva sempre uguale significa che aveva problemi economici!!

  • Grande uomo!

  • Ne mancano altre 16 adesso.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lacrime e silenzio per il funerale di Giovanni Romano: "Quel messaggio senza risposta di domenica notte"

  • Cronaca

    Incidente a San Giuseppe Jato, si ribalta con la Smart: morto sessantenne

  • Cronaca

    Sperone, pugno in faccia al controllore del tram: 18enne preso dopo 9 giorni

  • Cronaca

    La banda di palermitani che coltivava droga a Poggioreale: scattano 5 condanne

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, camion travolge auto: morto un magistrato

  • Video porno con ragazzine dietro la scomparsa: "Maiorana morti per i ricatti che il padre organizzava"

  • Il migliore cardiochirurgo del mondo? Lavora a Villa Sofia: "Così ha salvato una donna"

  • Giovanni e una vita tra toga, famiglia e pallone: "Magistrato di spessore, uomo serio e preparato"

  • La nuova mafia a Palermo, ecco chi comanda: "Quindici mandamenti gestiti da 81 famiglie"

  • Ripetitore sospetto vicino casa del presidente Mattarella, indaga la Procura

Torna su
PalermoToday è in caricamento