Bimbo scappa dall'asilo a un anno e 9 mesi: a processo direttrice e maestre

I fatti risalgono al maggio del 2015. Il piccolo era fuggito dalla struttura La Malfa, percorrendo un lungo tratto di via Messina Marine, rischiando di essere investito da un automobilista

Bimbo fugge dall'asilo - Foto archivio

Era scappato dall'asilo ad appena 21 mesi di età e nessuno se n'era accorto. A trovarlo era stato un automobilista che, dopo aver rischiato di investirlo, lo ha riaccompagnato dalle maestre. I fatti risalgono al maggio del 2015. E adesso, a distanza di oltre quattro anni,  la vicenda è culminata in un processo. A giudizio ci sono la responsabile amministrativa dell’asilo, Giovanna Burgarello e due educatrici, Angela Maria Drago e Patrizia Alessi. Come riporta il Giornale di Sicilia l’accusa per le tre donne è di abbandono di minore.

I genitori del bambino si sono costituiti parte civile. Nell’udienza che si è svolta ieri è stata ascoltata la madre del piccolo che ha raccontato quanto accaduto quel giorno. Quando era andata a prendere il suo bambino all’asilo, lo aveva in realtà ritrovato in braccio all’automobilista in via Messina Marine. L’uomo, per lei sconosciuto, le aveva raccontato di aver trovato il bambino che vagava in via Messina Marine e di essersi fermato temendo che accadesse il peggio.

A quel punto l’automobilista e la mamma si erano recati all’asilo per chiedere spiegazioni ma le maestre spiegarono che non si erano accorte che uno dei piccoli mancava dalla struttura. Per loro infatti, quel giorno, i bambini stavano tutti riposando. Le tre donne sono finite sotto processo perché secondo la Procura avrebbero dovuto invece vigilare sui bambini. La prossima udienza si terrà ad ottobre, quando saranno sentiti altri testimoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fatti avvennero intorno all'orario di uscita. Secondo quanto appreso nell'immediatezza dei fatti "il bambino si trovava nella 'zona nanna', al momento del risveglio non ci sarebbe stato nessuno a prendersi cura dei bambini", permettendo al "piccolo fuggitivo" di uscire indisturbato. Una vicenda, la prima in assoluto avvenuta a Palermo di cui si ricordi, che ha scioccato i lavoratori della struttura. Furono disposte subito delle verifiche. Poi il processo. "E' stata una leggerezza enorme per cui sarà necessario prendere dei provvedimenti", aveva promesso l'assessore comunale alla Scuola che c'era all'epoca, Barbara Evola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento