Botti di Capodanno, un bambino e un 18enne perdono una mano: sale il bilancio dei feriti

Un vero e proprio bollettino di guerra: in 14, molti dei quali bambini, hanno riportato ustioni e ferite. Non è bastato quindi il tentativo da parte delle forze dell’ordine di reprimere il fenomeno, dalla vendita all’utilizzo dei fuochi d’artificio

(foto archivio)

Cresce il bilancio dei feriti per i botti di Capodanno. Sono almeno 14 le persone che sono finite in ospedale a seguito delle esplosioni di petardi e fuochi d’artificio, in alcuni casi costringendo i chirurghi a ricorrere all’amputazione di dita o mani. Sono quattro le persone, tra cui due bambini e un diciottenne, tutt’ora ricoverate in ospedale per le conseguenze della folle notte di San Silvestro.

I casi più gravi sono quelli di un bambino di 9 anni e di un ragazzo appena maggiorenne. Si sono presentati in ospedale accompagnati dai familiari con le mani già amputate dalle esplosioni e sono stati operati d’urgenza. Nonostante gli sforzi fatti durante il "tour de force" dell’equipe del reparto di Chirurgia plastica e terapia delle ustioni dell'ospedale Civico, diretto dal professore Luigi Solazzo, i medici hanno potuto solo constatare i danni e cercare di salvare il salvabile.

Gli altri due pazienti in gravi condizioni sono un ventenne arrivato dall’Agrigentino, che ha subito l’amputazione parziale di una mano, e un ragazzino di 12 anni che ha riportato ustioni dopo l’esplosione di alcuni petardi. Episodi sui quali adesso gli investigatori, allertati dall’ospedale, dovranno cercare di fare chiarezza per individuare eventuali responsabilità, anche per i genitori dei minorenni coinvolti negli incidenti.

A chiudere il quadro altri sette pazienti - che si aggiungono ai primi tre finiti al Buccheri La Ferla e al Civico - che hanno riportato ferite meno gravi su varie parti del colpo. Fatta eccezione per un 64enne e un 23enne, che si sono ustionati le mani accendendo qualche petardo, gli altri hanno un’età compresa tra gli 8 e gli 11 anni e se la sono cavata con escoriazioni e bruciature meno preoccupanti.

Non è bastato quindi il tentativo da parte delle forze dell’ordine di reprimere il fenomeno, dalla vendita all’utilizzo dei fuochi d’artificio. Pochi minuti prima della mezzanotte la polizia ha sequestrato in via Tiro a segno un carico di petardi e razzi di ogni genere, tra Jorge, Saturn missiles, fontane Jupiter, multicolor 20 Strzalow shots e altro ancora. Difficile però individuare i tanti depositi sparsi in tutta la città dove, fino al 31 dicembre, erano stipati quintali di materiale pirotecnico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento