Via Carducci, un bene confiscato alla mafia ospita un centro anti bullismo

La Rete "Più scuola meno mafia" del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha affidato i locali in comodato d'uso al liceo Galileo Galilei. I ragazzi daranno vita anche a una web radio

Foto Twitter

Uno sportello per il contrasto al bullismo e una web radio. Sono le attività con cui "rinascono" alcuni immobili confiscati alla mafia nel cuore della città, in via Carducci. La Rete "Più scuola meno mafia" del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca li ha affidati in comodato d'uso al liceo Galileo Galilei.

La consegna è avvenuta stamani alla presenza del sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone, del direttore generale per lo studente, l'integrazione e la partecipazione del Miur, Giovanna Boda, del direttore generale dell'ufficio scolastico regionale per la Sicilia, Maria Luisa Altomonte, del presidente onorario della rete "Più scuola meno mafia", Maria Fedele.

Negli spazi concessi ai ragazzi nasceranno uno sportello per il contrasto al bullismo e al cyberbullismo rivolto a studenti, famiglie e personale scolastico, e una web radio che coinvolgerà nelle proprie trasmissioni studenti e associazioni socio-culturali presenti sul territorio.

"Un centro antibullismo e una web radio - scrive Faraone su Twitter - sono bagaglio culturale e opportunità lavorativa per ragazzi #piùscuolamenomafia".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Aggredita mentre corre in Favorita: "Voleva trascinarmi tra i cespugli e violentarmi"

  • Politica

    Periferie dimenticate, Orlando furioso: "Così lo Stato penalizza i più deboli"

  • Cronaca

    Statale Palermo-Agrigento, il viadotto Scorciavacche riaprirà entro marzo

  • Cronaca

    Violenza tra i banchi, tredicenne autistico picchiato a scuola da un compagno

I più letti della settimana

  • Il giorno di Papa Francesco: "Non si può essere mafiosi e credere in Dio"

  • Morto il boss Salvatore Profeta, per lui alla Guadagna si fermava perfino la Madonna

  • "Minchia" diventa luminaria in via Alloro, è polemica: "Quanto è stata pagata?"

  • "Da Palermo a Ragusa in 20 minuti": treno superveloce, il primo progetto è in Sicilia

  • Aggredita mentre corre in Favorita: "Voleva trascinarmi tra i cespugli e violentarmi"

  • Ruba Jeep al Villaggio, viene inseguito dai carabinieri e si lancia dall'auto in corsa: preso

Torna su
PalermoToday è in caricamento