Allarme Bellolampo, Marino in procura L’Amia: “Nessun lago di percolato”

Ieri l'assessore regionale ai rifiuti e all'Energia è stato convocato per discutere sulla situazione ecologica della discarica e sulla presunta presenza della sostanza tossica. Ma l'azienda smentisce: "Notizia falsa"

La discarica di Bellolampo

Ieri il procuratore aggiunto Vittorio Teresi e il sostituto Geri Ferrara hanno tenuto un vertice con l'assessore regionale ai rifiuti e all'Energia, Nicolò Marino, convocato in Procura per discutere la situazione ecologica di Bellolampo, la discarica in crisi e ora ad alto rischio. Nella vasta area che sovrasta Palermo si sarebbe infatti formato una sorta di lago di percolato, la sostanza tossica che si forma dalla decomposizione dei rifiuti.

La situazione rischia di sfociare in emergenza totale se il prossimo 30 aprile la discarica verrà chiusa per la saturazione delle prime cinque vasche. La realizzazione della sesta vasca, che doveva cominciare in autunno, è stata rinviata e i lavori, di competenza della Protezione civile (dunque della Regione) dovrebbero cominciare la prossima settimana. I tempi di esecuzione sono di circa 450 giorni, ma non sono stati ancora appaltati i lavori di costruzione degli impianti. In queste condizioni la paralisi dell'intera discarica potrebbe avvenire entro poche settimane.

Pronta arriva la replica dell’Amia. L’azienda precisa che “non si è formato alcun ‘enorme lago di percolato’ in discarica. Il riferimento ai 10 mila metri cubi di percolato riguardano i quantitativi presenti negli stoccaggi a tenuta della discarica”.

“Affermare – si legge nella nota – che i reflui hanno infiltrato, come in passato, i terreni adiacenti alla discarica, alcuni coltivati, e contaminato le falde acquifere è assolutamente privo di ogni fondamento. I commissari Straordinari Amia, invece, da tempo richiedono a tutti gli enti, Comune, Regione, Provincia, Protezione Civile, un intervento straordinario di supporto, stante le condizioni economiche dell'azienda, per consentire un più rapido smaltimento del percolato stoccato, a tal proposito ieri si é affrontato il problema in assessorato regionale all'Energia e del Dip. Acque e Rifiuti con l'assessore Marino che si é reso disponibile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento