"Basta una mano per sconfiggere la mafia"

Il contributo delle istituzioni e dei cittadini può generare sinergie capaci di stritolare la mafia e vincere la sfida contro la criminalità. Un messaggio di speranza in un momento di difficoltà per la mia comunità

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Dopo che alcune notti fa le fiamme hanno inghiottito l'auto di un carabiniere in servizio presso la stazione di San Giuseppe Jato, ancora una volta sembra essere calata la tenebra della violenza mafiosa su San Giuseppe Jato. Il male che ha già tanto flagellato negli anni scorsi la valle Jato non sembra essere ancora vinto, la bestia assetata di sangue e potere che ha già tanto disonorato la nostra stupenda terra non sembra ancora sazia e forse prova a far sentire ancora la sua triste voce. In questi momenti non bisogna abbassare la guardia, o credere nell'invincibilità del nemico di fronte. "La mafia - come ci ricordava infatti Giovanni Falcone - è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio, e avrà anche una fine". Sconfiggere la mafia si può, e basta poco per riuscirci. Serve la collaborazione di tutti e la volontà di ciascuno.

Serve una mano per strangolarla. In una mano infatti ci sono cinque dita, che rappresentano i cinque elementi insostituibili per il contrasto alla mafia: la buona politica, una concreta cultura della legalità, l'attacco senza sosta ai patrimoni mafiosi, una repressione mirata da parte della magistratura, lo stretto controllo sul territorio affidato alla polizia e ai carabinieri. La stretta sarà forte e la presa salda se ogni dito farà il suo dovere ogni giorno, in ogni paese. Tutti i cittadini debbono portare il loro contributo e dare la loro mano in questa battaglia, praticando un'antimafia sociale che sola potrà infine cancellare la mafia dalla nostra terra: acquistando i prodotti provenienti dalle terre liberate dalla mafia, denunciando il pizzo, non votando candidati corrotti e associati alla malavita, rifiutando di sottostare al sistema clientelare e illegale, lottando contro ogni ingiustizia e prepotenza. L'antimafia alla fine vincerà, ne sono sicuro. Basta una mano, la mano di tutti, una nuova Italia risorgerà.

Torna su
PalermoToday è in caricamento