A Palermo quasi 3 mila barboni, entro l'inverno un nuovo dormitorio in via Messina Marine

Erano 3.829 nel 2011 e sono diventati 2.887 nel 2014. Il capoluogo è la terza città in Italia per numero di senza fissa dimora. Circa 35 quelli che ogni notte dormono nella "Casa Muhil" in Piazzetta della Pace. Al via la campagna #HomelessZero

Palermo è la terza città per numero di senza fissa dimora, dopo Milano e Roma. Il numero assoluto degli homeless però è sceso negli ultimi anni, così come l'incidenza sul numero nazionale: nel 2011 nel capoluogo c'erano 3.829 senza casa, l'8% del dato nazionale, e nel 2014 erano 2.887 pari al 5,5% del totale (fonte Istat - 10/12/2015). In città, al momento c'è solo un dormitorio comunale in Piazzetta della Pace, ma entro l'inverno dovrebbe aprire un secondo centro d'accoglienza in via Messina Marine.

I DORMITORI COMUNALI - Il capoluogo dispone attualmente della "Casa Muhil" in Piazzetta della Pace, aperta circa tre anni fa e gestita in accreditamento dalle associazioni onlus "La danza delle ombre" e "Frate Gabriele Allegra". Il dormitorio ospita ogni notte circa 35 persone senza fissa dimora, offrendo loro un posto letto, bagni docce ed il necessario per l'igiene personale, oltre ad assistenza medica e psicologica, sportello legale, sostegno abitativo e lavorativo ed altri servizi per i bisogni primari. Un altro centro è in fase di realizzazione in via Messina Marine, vicino l'ex deposito delle locomotive. "Dovrebbe essere operativo entro l'inverno. I lavori hanno subito un rallentamento - fanno sapere dal Comune - a causa di un gravissimo atto di vandalismo". Distrutti tutti i lavandini, le tubature ed il controsoffitto nei due piani dei locali e rubati i sanitari, i condizionatori e le fotocopiatrici. All'interno del dormitorio, gestito da un ente di terzo settore attraverso il regime di accreditamento con il Comune, che provvederà a rimborsare una quota di 5 euro a posto letto, potranno trovare ospitalità notturna 40 persone senza dimora. Diverse le associazioni che fanno parte del raggruppamento di enti non profit che, in convenzione con il Comune, si occupano di prestare assistenza: Angeli della Notte, Frate Allegria, Anas, Rotary “Francesca Morvillo”, Apriti Cuore, Danza delle Ombre, Cristo tra i poveri, Croce Rossa Italiana, Arnibas, Sant’Egidio, Le Ali, Caritas e Santa Chiara e l'Istituto Opera Don Calabria.

"Il dormitorio non è la soluzione al fenomeno dell'emergenza abitativa della città - ha detto l'assessora alla Cittadinanza Sociale, Agnese Ciulla -, ma un punto di partenza per aiutare chi vive per strada". 

LA CAMPAGNA - Per sensibilizzare sul tema dei vagabondi, il Comune sostiene la Federazione italiana organismi per le persone senza dimora (Fio.PSD), di cui è socio e sposa la campagna informativa #HomelessZero che vede coinvolti tanti volti noti del mondo dello spettacolo, italiani ed internazionale (Richard Gere, Susan Sarandon, Iain Glen, Carmine Recano, Chiara Francini, Claudio Santamaria, Cristiana Dell'Anna, Emilio Solfrizzi, Enrico Brignano, Fabio De Luigi, Fabio Troiano, Filippo Nigro, Giuseppe Battiston, Maria Grazia Cucinotta, Matilda De Angelis, Matteo Branciamore, Nicolas Vaporidis, Noemi, Primo Reggiani, Sabrina Impacciatore e Salvatore Esposito).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio a Pagliarelli, un sms sul cellulare per attirare Manzella nella trappola

  • Mafia

    Il tesoriere di Totò Riina ora è libero: Vito Palazzolo affidato in prova ai servizi sociali

  • Incidenti stradali

    Ci risiamo, incidente in via Roma: un altro pedone investito, è grave

  • Cronaca

    Ha investito e ucciso un uomo in via Roma, ventenne ai domiciliari per due mesi

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento