Ruota panoramica, locali, chalet sul mare e rambla: "Così rivoluzioniamo la Bandita"

Dalla foce del fiume Oreto al vecchio pontile abbandonato di via Messina Marine: presentato il piano sviluppato dall'associazione Balad sulla riqualificazione di un tratto della Costa Sud

Una proposta per rivoluzionare la Bandita. L'idea nasce da un nucleo di architetti ed è rivoluzionaria: nel piano previsto alla Bandita chalet sul mare, una rambla pedonale che scende verso la spiaggia e perfino una ruota panoramica sul modello del London Eye. Presentata al Grand Hotel delle Palme l'iniziativa sviluppata dall'associazione Balad sulla riqualificazione di un tratto della Costa Sud. Un programma promosso da Federalberghi Palermo e Confcommercio alla presenza di Leoluca Orlando e del presidente di Federalberghi Palermo Nicola Farruggio.

Dalla foce del fiume Oreto al vecchio pontile abbandonato di via Messina Marine. Un tratto di costa di circa due chilometri: nel programma c'è anche un parco costiero suddiviso in aree pubbliche e private attrezzate, una passeggiata con piste ciclabili. Un progetto fondato sul binomio pubblico-privato, che porta la firma di cinque architetti: Sebastiano Provenzano, Marco Alesi, Cristina Calì, Alberto Cusumano e Niuta Garretto. "La Costa Sud di Palermo è il paradigma del potenziale inespresso della città - spiegano -. Il Piano di utilizzo del Demanio marittimo, in corso di approvazione, può rappresentare una grande opportunità per ricondurre in questa parte di Palermo economia ed investimenti. Federalberghi e Confcommercio, quali rappresentanti dei portatori di interesse economici attivi in città, sposano l’approccio proposto da questo affresco, da questa visione, affinché dal resto della città e dell’agenda politica la Bandita non sia mai più bandita".

Un gioco di parole per pensare in grande. "Il piano utilizza per la realizzazione degli stabilimenti, il dislivello esistente tra la strada e la quota della spiaggia", è l'idea base. Previsti anche locali con vista mare: strutture precarie removibili capaci di ospitare tutti i servizi per la balneazione. E una piazza utilizzabile per piccole attività commerciali e aperta alla libera fruizione. "Appare però necessario dare al piano una dimensione di disegno più organico, più uniforme, più leggibile - - è la chiosa -. Un programma adatto ad attrarre investitori a credere nella remunerabilità dei loro investimenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento