"Venite, a Ballarò spacciano droga": due arresti grazie a "YouPol"

Alla centrale operativa della polizia è arrivata la dettagliata descrizione dei due pusher e sono scattati i controlli. Gli agenti li hanno bloccati in via Nunzio Nasi e trovati in possesso di undici dosi di marijuana

Ha portato a due arresti per spaccio di droga la segnalazione fatta da un cittadino alla polizia tramite l'applicazione "YouPol". Le manette sono scattate per Wesley Candeh, 25 anni, e Gabriele Rizzone, 22 anni, entrambi di Ballarò. I falchi della squadra mobile li hanno bloccati in via Nunzio Nasi e trovati in possesso di undici dosi di marijuana.

Tutto è partito da una segnalazione tramite l'app "YouPol", che consente di denunciare, in tempo reale, episodi legati allo spaccio o al bullismo. Alla centrale operativa è arrivata la dettagliata descrizione dei due pusher e sono scattati i controlli. Oltre alla droga, i due avevano anche 40 euro in contanti, somma ritenuta provento dello spaccio. Marijuana e soldi sono stati sequestrati mentre i due sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Sferracavallo, stuprata mentre aspetta il treno per l'aeroporto: fermato diciannovenne

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • Incidente sulla Palermo-Catania, si ribaltano due mezzi: una ferita

Torna su
PalermoToday è in caricamento