"Non siamo invisibili", a Ballarò lo sciopero alla rovescia di un gruppo di artisti

I lavoratori dello spettacolo protestano alla maniera di Danilo Dolci: durante l'evento, sei moto ape si trasformeranno in palcoscenico e - guidate dagli abitanti del quartiere - ospiteranno a turno musicisti, attori e danzatori

Street art a Ballarò

Hanno formato il collettivo "Arte è martello" e domani scenderanno in piazza per rivendicare la dignità del loro lavoro. Sono un gruppo di lavoratori dello spettacolo che domani (alle 18,30), a Ballarò, sull'esempio di Danilo Dolci, daranno vita alla prima azione di "sciopero alla rovescia" denominato "Arte è martello, festa della Repubblica fondata sul lavoro degli invisibili".

L'idea è quella di un'azione di protesta che sia contemporaneamente per la città presidio di bellezze e rivendicazione di diritti, con la preziosa adesione del Comitato del mercato del baratto dell'Albergheria. Il gruppo degli artisti, che si è formato in seno a Sos Ballarò durante l'emergenza Covid, vuole "trasformare le città in palcoscenico, per garantire il lavoro di tutto il comparto".

"Chiediamo a tutti i lavoratori dello spettacolo di Palermo un'assemblea per la formazione di un tavolo di discussione sulle tematiche già delineate a livello nazionale, e su quelle specifiche che riguardano la nostra città". Durante l'evento, sei moto ape si trasformeranno in palcoscenico e guidate dagli abitanti del quartiere ospiteranno a turno musicisti, attori e danzatori. Insieme si muoveranno nel quartiere di Ballarò, garantendo il distanziamento, e offriranno il loro simbolico sacchetto pieno di "Arte a tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'arte si materializzerà nei luoghi delle persone - dicono gli artisti - costrette ad una distanza fisica e dunque sociale, uscirà dai teatri e percorrerà fisicamente le strade, abitate da altri invisibili, reggendo lo stendardo della bellezza e della resistenza. Per prenderci cura di una città dolente e trasformarla in un palcoscenico per tutto il pubblico tagliato fuori a causa dell'inevitabile cancellazione della programmazione artistica su larga scala".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento