Bagheria, colpito con un pugno alla testa: muore dopo 50 giorni di agonia

Roberto Impellizzeri, camionista di 60 anni, sarebbe deceduto per le lesioni riportate dopo l'aggressione. Il 5 maggio è stato arrestato per lesioni personali aggravate Francesco Mineo, ma l'accusa potrebbe trasformarsi in omicidio preterintenzionale

Il sessantenne Roberto Impellizzeri (foto Facebook)

Morto in ospedale dopo un’agonia di cinquanta giorni per essere stato colpito con violenza alla testa. Si è spento nel reparto di Rianimazione del Civico il sessantenne bagherese Roberto Impellizzeri, raggiunto alla testa da un pugno sferrato - apparentemente senza motivo - dal 46enne Francesco Mineo ad aprile. Per lui, arrestato a inizio maggio per il reato di lesioni personali aggravate, ma l’accusa ora potrebbe trasformarsi in omicidio preterintenzionale.

I fatti si sono verificati ai primi di aprile, in via Ignazio Lanza di Trabia, a pochi metri dal Bar Garden. Impellizzeri stava passeggiando per strada quando è stato colpito con un pugno alla testa da Mineo. Il sessantenne è caduto per terra, battendo la testa e riportando gravi lesioni. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118, che lo hanno trasportato al pronto soccorso del Civico.

I carabinieri di Bagheria hanno subito avviato le ricerche, risalendo a Mineo e procedendo con l'arresto. Al termine delle indagini è stata emessa nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice del Tribunale di Imerese, a seguito della quale è stato rinchiuso al Cavallacci. Sono molti i dettagli da chiarire sulla dinamica e per questo è stata disposta l’autopsia sul corpo di Impellizzeri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chi conosceva Impellizzeri, di professione camionista, lo descrive come una persona buona, tranquilla, dedita al lavoro e alla sua famiglia. Lascia la moglie e tre figli. Intanto proseguono gli accertamenti dei carabinieri per ricostruire quanto accaduto e verificare la fondatezza di quanto sostenuto da qualcuno, ovvero che i due avessero avuto un'accesa discussione e che Mineo, quel giorno, fosse ubriaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, prima vittima a Palermo: 55enne muore all'ospedale Civico

  • Un altro caso di Coronavirus fa tremare Comdata, donna positiva: "Ora la situazione è grave"

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Coronavirus, in Sicilia già venti morti: salgono a 846 i contagiati, 125 più di ieri

  • Incidente in via Basile, investito da un automobilista che scappa: morto 57enne

  • Coronavirus, furia Musumeci in tv: "La Sicilia è chiusa, da noi per avere dei diritti bisogna gridare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento