Mille euro al mese col reddito di cittadinanza ma i mariti sono commercianti (abusivi), 2 denunce

Sono state scoperte dalla guardia di finanza a Bagheria. E' stato disposto l’immediato blocco delle carte prepagate ed è stato avviato l’iter sia per la revoca del beneficio sia per il recupero da parte dell’Inps delle somme

Ogni mese incassavano oltre mille euro grazie al reddito di cittadinanza, ma non avrebbero avuto diritto al sussidio perchè i mariti sono titolari di attività commerciali (in nero e poi regolarizzate). Due donne di Bagheria sono state denunciate dalla guardia di finanza. Allo stesso tempo è stato disposto l’immediato blocco delle carte prepagate ed è stato avviato l’iter sia per la revoca del beneficio sia per il recupero da parte dell’Inps delle somme indebitamente percepite.

"Le indagini - spiegano le fiamme gialle - sono partite dalla scoperta di due attività commerciali, riconducibili ad altrettanti soggetti, completamente abusive, (anche se successivamente regolarizzate mediante l’apertura di partita iva). A seguito di controlli più approfonditi, è stato accertato che le mogli dei titolari delle attività in nero individuate beneficiavano, l’una da giugno e l’altra da aprile 2019, rispettivamente, di 1.140 e 1.050 euro al mese, somme non spettanti in quanto all’atto della presentazione dell’istanza avevano entrambe omesso di dichiarare le attività commerciali dei relativi coniugi".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

  • Paura Coronavirus a Partinico, studentessa arrivata da Shanghai: "Trattata come una minaccia"

Torna su
PalermoToday è in caricamento