Perseguita l'ex moglie, la minaccia di morte e le ruba l'auto: 36enne arrestato a Bagheria

L'uomo ha reagito alla fine del matrimonio con la violenza adottando comportamenti tanto opprimenti da gettare la donna nel panico e facendole anche cambiare radicalmente le abitudini di vita. Fermato dalla polizia, era in possesso di un tagliacarte molto affilato

Non si rassegna alla fine del matrimonio e così inizia a perseguitare l'ormai ex moglie. La vita della donna diventa un incubo, con le giornate scandite da continue minacce. Fino all'intervento della polizia e all'arresto - per stalking, violazione di domicilio aggravata e minacce aggravate - dell'uomo. In manette un 36enne di origine campana ma domiciliato a Bagheria.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, l'uomo ha agito con "profonda violenza. Non ha esitato a rivolgere alla donna ingiurie, minacce di morte e allusioni dal macabro contenuto". Comportamenti tanto opprimenti da gettare la consorte nel panico, facendole anche cambiare radicalmente le abitudini di vita.

L'uomo avrebbe anche raggiunto la ex sul posto di lavoro, minacciandola "di ritornare a casa per farle pagare il conto delle sue inaccettabili, pretese di libertà". In un altro episodio invece le avrebbe sottratto la vettura e avrebbe danneggiato alcuni locali di proprietà degli ex suoceri.

La donna, ormai stremata, ha deciso di rivolgersi alla polizia. Gli agenti hanno raggiunto l’uomo, trovato in possesso di un tagliacarte particolarmente lungo e acuminato, e lo hanno arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

Torna su
PalermoToday è in caricamento