E' festa a Bagheria: trascritto il primo matrimonio gay

Il sindaco Patrizio Cinque in quota Movimento 5 Stelle ha sottoscritto la prima trascrizione nel registro di stato civile del Comune di nozze omossessuali. Il paese alle porte di Palermo si aggiunge così a Roma, Napoli, Grosseto e Milano

Bagheria si aggiunge a Roma, Napoli, Grosseto e Milano e trascrive il suo primo matrimonio contratto all'estero da coppie dello stesso sesso. Ieri pomeriggio il sindaco Patrizio Cinque in quota Movimento 5 Stelle ha sottoscritto la prima trascrizione nel registro di stato civile del Comune di un matrimonio omossessuale dopo la ricezione di un'istanza di trascrizione, formulata dall'architetto Gianfranco Aiello, di origini bagheresi, che ha sposato, con rito civile, lo scorso 31 dicembre 2013, a Strasburgo, Olivier Michel Grasser. Bagheria è in assoluto il primo Comune siciliano.

“Non posso andare contro due persone che si amano – dice il sindaco –: lo Stato deve garantire le pari opportunità per tutti. Il M5S ha chiesto ai cittadini di esprimersi con un sondaggio, hanno partecipato alla votazione 25.268 attivisti, di questi addirittura 21.360 hanno votato sì", racconta Cinque.

"I matrimoni tra persone dello stesso sesso si trascrivono all’anagrafe per certificare l’esistenza di un rapporto riconosciuto all’estero, non si tratta di dichiarare che due persone sono sposate in Italia, cosa che ovviamente fino ad ora non è possibile fare nel nostro Paese perché non vi è una legislazione in materia”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento