L'indagine sul pizzaiolo morto a Termini Imerese, salma riesumata per l'autopsia

Ancora 60 giorni e arriveranno i risultati dei test tossicologici eseguiti sul corpo di Sebastiano Rosella Musico, deceduto a gennaio 2019. Nelle scorse settimane la Procura aveva aperto un'inchiesta per chiarire se si possa trattare di omicidio

Sebastiano Rosella Musico, pizzaiolo di Termini morto a gennaio 2019

Eseguita l’autopsia sulla salma del pizzaiolo termitano dietro cui potrebbe nascondersi un caso di omicidio. Lo scorso sabato mattina è stato riesumato e portato al cimitero di Sant’Orsola il corpo del quarantenne Sebastiano Rosella Musico, deceduto a gennaio dello scorso anno. Fra 60 giorni arriveranno i risultati della necroscopia e degli esami tossicologici disposti per chiarire se l’uomo non sia deceduto per cause naturali.

Nelle scorse settimane alcune voci sul decesso del pizzaiolo hanno iniziato a circolare da un capo all’altro del centro abitato, spingendo la Procura - come anticipato da PalermoToday - ad aprire un’inchiesta. Nel mezzo anche una soffiata anonima e il sequestro dell’abitazione coniugale (foto allegata) dove Sebastiano viveva insieme alla moglie. Alcuni familiari di Sebastiano inoltre sono stati ascoltati nella caserma dei carabinieri.

Per il momento il fascicolo aperto dalla magistratura sarebbe a carico di ignoti e fino a pochi giorni non era chiara neanche l’ipotesi di reato. Ma cosa sarebbe successo? Un quesito al quale sarà possibile rispondere una volta che il medico legale avrà messo nero su bianco l’esito dell’autopsia (fino a sabato mai eseguita) per cui la Procura ha firmato un decreto di riesumazione del cadavere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sospetto è che il quarantenne possa essere stato ucciso, magari con una dose di veleno che ne avrebbe causato il decesso - un anno fa archiviato come "morte naturale" - senza lasciare segni o altro di evidente. Ma chi potrebbe avere mai voluto la sua fine e perché? Sebastiano, che lavorava in una pizzeria a conduzione familiare, era un ragazzone ben voluto da tutti. Tanto che la sua morte ha turbato l'intera comunità di Termini Imerese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Rientra verso il b&b ma si perde e chiede indicazioni, turista picchiato e rapinato

  • "Facciamo sesso a tre o divulghiamo il tuo video hard": condannata coppia che minaccia fidanzata figlio

  • Tuffo all'Acquapark di Monreale, 26enne sarà sottoposto a intervento chirurgico

Torna su
PalermoToday è in caricamento