Sventa allarme bomba sul bus, autista palermitano diventa "eroe" a Verona

Salvatore Olivieri nei giorni scorsi ha "disinnescato" un esagitato. Il sindaco Sboarina lo premia: "A nome di tutta la città e di quei cittadini che quel giorno erano sull’autobus, vogliamo ringraziarti"

Un palermitano "eroe" a Verona. Lui è Salvatore Olivieri, autista di bus, protagonista positivo di un episodio di cronaca lo scorso 24 aprile a Verona sull’autobus 33. Numero che coincide con la sua età. Il giovane conducente, che 5 anni fa si è trasferito da Palermo a Verona per iniziare la sua esperienza lavorativa in Atv, 10 giorni fa si è trovato a dover gestire un presunto "allarme bomba". Un uomo originario dello Sri Lanka era salito su di un autobus Atv minacciando i presenti per poi mostrare una borsa a tracolla, facendo intendere che all'interno di quella borsa era presente una bomba.

L'autista ha subito bloccato il mezzo e con freddezza e professionalità ha dato l'allarme. Sul posto sono giunte delle pattuglie del nucleo radiomobile di Verona insieme ai colleghi del nucleo investigativo. All'arrivo dei militari, il cittadino dello Sri Lanka non ha opposto resistenza. Il bus è stato controllato completamente e anche all'interno della borsa dell'uomo non è stato trovato materiale esplosivo. Il cingalese è stato poi arrestato.

Emergenza finita bene, grazie alla prontezza di Olivieri (nella foto sotto mentre viene premiato) che prima ha messo in salvo tutti i passeggeri del bus, e poi ha permesso alle forze dell’ordine di arrivare e bloccare l'uomo, poi solamente un esagitato. E da oggi Olivieri "brilla" non solo per eroismo ma anche per quella spilla che è stata puntata al suo petto. Questa mattina, infatti, nella sede di lungadige Galtarossa ad aspettarlo c’erano il sindaco Sboarina insieme al presidente Atv Massimo Bettarello e al direttore Stefano Zaninelli.

"Ho cercato solo di fare il mio dovere. Volevo mettere al sicuro le persone e tornare a casa sereno" ha detto il giovane autista. "Hai saputo disinnescare una situazione imprevedibile - ha risposto il sindaco Federico Sboarina -. Per questo oggi, a nome di tutta la città e di quei cittadini che quel giorno erano sull’autobus, vogliamo ringraziarti per come hai saputo gestire l’emergenza. L’eroismo non è fatto solo di grandi gesti ma anche in azioni della quotidianità e nell’assolvimento del proprio dovere. Salvatore, da quel 24 aprile, è diventato un eroe per tutti noi".

"Un ringraziamento va a Salvatore così come a tutti gli autisti che ogni giorno lavorano su un vero e proprio ‘campo di battaglia’. - ha detto Bettarello -. E' una professione usurante e non sempre è facile gestire lo stress, figuriamoci episodi di questo tipo. Ecco perché Atv è una delle poche aziende di trasporto che oltre a fare formazione, effettua a tutti gli autisti delle visite psicologiche preventive, per capire se hanno le capacità di reggere la pressione lavorativa".

"La nostra azienda vanta dei grandi professionisti – ha affermato Zaninelli – che sanno come lavorare e comportarsi per il bene e la sicurezza delle migliaia di passeggeri che ogni giorno trasportiamo. A tutti loro va il nostro riconoscimento, perché quotidianamente dimostrano la loro professionalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Stress? Rabbia? Arriva a Palermo la Rage Room, la stanza dove puoi spaccare tutto

Torna su
PalermoToday è in caricamento