Lido sequestrato a Cefalù, titolare assolto dopo 4 anni di processo

Così ha deciso il giudice onorario di Termini per Giuseppe Cimino. Dietro al provvedimento che aveva portato a chiudere con i sigilli il suo stabilimento un problema di concessioni su alcune opere che però era stato risolto

Giuseppe Cimino con la sentenza in mano davanti all'insegna del suo lido

Assolto con formula piena dopo il processo per il sequestro del suo lido. Così ha deciso a ottobre il giudice Fabio Stuppia per Giuseppe Cimino, titolare del Poseidon di Cefalù, accusato di aver realizzato alcune opere abusive in violazione dei vincoli, in assenza di autorizzazioni e in prossimità del demanio marittimo. A darne notizia è il suo avvocato difensore Giovanni Condello del foro di Termini Imerese

Lo stabilimento balneare era stato sequestrato nell’aprile del 2015 dopo le indagini della polizia municipale e i riscontri del Comune. Secondo gli investigatori il titolare aveva montato alcune strutture del lido sul lungomare di Cefalù senza le dovute autorizzazioni paesaggistiche. Dietro il provvedimento risalente a quasi quattro anni fa, però, ci sarebbe stato un problema - poi risolto - interno all’Amministrazione sul rinnovo della concessione che l’assessorato regionale aveva prorogato sino alla fine del 2020.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • E adesso chi paga?

Notizie di oggi

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cultura

    La Casa delle Farfalle resta aperta per le feste: a Pasqua e Pasquetta orario continuato

  • Cronaca

    "Era ubriaco", Antonio Ingroia bloccato all'aeroporto di Parigi

  • Cronaca

    Il ritardo dell’aereo, lo scalo a Bergamo e il viaggio in pullman: 8 ore per raggiungere Venezia

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento