Mancata cattura di Provenzano, assolti Mori e Obinu

Erano imputati per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra. L'accusa, retta dai pm Nino Di Matteo, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia, aveva chiesto alla Corte una condanna a 9 anni di carcere per Mori, e a 6 anni e mezzo per Obinu

Il generale dei carabinieri Mario Mori @Tm news-infophoto

I giudici del tribunale di Palermo hanno assolto il generale del Ros Mario Mori e il colonnello Mauro Obinu, dall'accusa di favoreggiamento aggravato a Cosa nostra per la mancata cattura del boss Bernardo Provenzano nel 1995, permettendogli così di restare latitante. L'accusa, retta dai pm Nino Di Matteo, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia, aveva chiesto alla Corte, presieduta dal giudice Mario Fontana, una condanna a 9 anni di carcere per Mori, e a 6 anni e mezzo e Obinu. I legali dei due imputati avevano chiesto l'assoluzione perché il fatto non sussiste.

PROTESTANO LE AGENDE ROSSE - Alcuni militanti del movimento delle Agende rosse, vicino a Salvatore Borsellino, alla lettura della sentenza di assoluzione hanno gridato "vergogna, vergogna".

L'ACCUSA - "Non condividiamo questa sentenza di assoluzione - ha detto il pm Antonino Di Matteo - e la impugneremo, ma la rispettano. Le sentenze si rispettano, non le condividiamo e le impugneremo". Il presidente del tribunale, Mario Fontana, ha contestualmente ordinato la trasmissione degli atti in procura relativamente alle testimonianze di Massimo Ciancimino e Michele Riccio per valutare le loro dichiarazioni. "La trasmissione degli atti alla Procura perchè valuti le dichiarazioni dei testimoni Massimo Ciancimino e Michele Riccio - ha detto invece il procuratore aggiunto Vittorio Teresi - è coerente con la decisione presa. E' un punto di vista che va accettato ma anche impugnato".

LA DIFESA - "Una sentenza che mette fine a cinque anni di linciaggio mediatico, di teoremi, di falsità e di calunnie. Siamo contenti perché i condizionamenti e le pressioni sono stati costanti e lo sono stati fino ad oggi. I giudici hanno dimostrato di procedere per la loro strada e di guardare le carte che davano la prova della loro innocenza". Così l'avvocato Basilio Milio, legale del generale Mario Mori, ha commentato l'assoluzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

Torna su
PalermoToday è in caricamento