Disabile piantato in asso, l'assessore va a trovarlo: "Non interromperemo l'assistenza"

Gianluca Miccichè si è recato a Misilmeri, si è scusato per il "malinteso" ed ha promesso di lavorare con il suo staff per dare a Giovanni Cupidi almeno 16 ore di assistenza di 16 ore al giorno

Dopo essere finito su tutti i giornali, l'assessore regionale alla Famiglia Gianluca Miccichè ieri pomeriggio, alle 15.30 in punto, si è recato a casa di Giovanni Cupidi e si è scusato per "il malinteso". Il disabile lunedì mattina, dopo aver saputo che in assessorato si sarebbe tenuta una riunione per discutere il suo caso, si è recato all'appuntamento convinto di incontrarlo, ma ha avuto una spiacevole sorpresa: ad attenderlo c'erano solo dei funzionari senza soluzioni nè proposte per risolvere il suo problema.

Il 39enne, di Misilmeri, è paralizzato dal collo in giù. Per questo avrebbe bisogno di assistenza 24 su 24, per ottenere la quale ha anche lanciato lo scorso mese di marzo una petizione su Change.org, firmata anche da diversi vip. Da fine gennaio rischia di averne soltanto una al giorno, domenica esclusa. 

All'assessore ieri ha chiesto un'assistenza giornaliera di 16 ore, sette giorni su sette, come avveniva sino al 2013. "Ho capito - spiega Giovanni in un video messaggio - che data la scarsità di fondi avere l'assistenza h24 mi porterebbe a non avere più un interluozione con questa amministrazione". Miccichè si è impegnato a non interrompere l'assistenza domiciliare all'uomo e a valutare la richiesta del disabile. Nei prossimi giorni si saprà se gli uffici dell'assessorato saranno in grado di far diventare le promesse realtà. Se i fondi necessari non dovessero spuntare c'è sempre la proposta fatta da Pif durante l'intervista a Cupidi per la Rai fatta ieri: "Tassare i vitalizi degli eredi dei deputati dell'Ars".

Data la grande competenza in materia di disabilità, l'assessore ha anche chiesto a Giovanni di partecipare, se vorrà, nella riprogettazione dei fondi relativi alla disabilità in modo da creare un fondo unico che garantisca a tutti l'assistenza di cui necessita. "Sono ovviamente contento di partecipare - commenta Giovanni - ma essendo un progetto di lungo respiro non risolve la mia situazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • Omicidio di Ana Maria, parla l'ex compagno: "Mi ha detto che aspettava un figlio da me"

  • Poliziotti si fingono inquilini e scovano super latitante in casa: arrestato Pietro Luisi

  • Incidente a Partinico, perde il controllo dello scooter e cade: morto 21enne

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

Torna su
PalermoToday è in caricamento