Asp, si riaccende lo scontro sui 600 precari: "Pronti a nuovo sciopero"

La Fials: l'azienda sanitaria palermitana risulta essere l’unica che non ha applicato la legge Madia per la stabilizzazione del personale contrattista ex Lsu

Si riaccende lo scontro sugli oltre 600 precari dell’Asp di Palermo. La Fials ha proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale contrattista dal momento che “ad oggi l’Asp di Palermo risulta essere l’unica azienda sanitaria che non ha applicato la legge Madia per la stabilizzazione del personale contrattista ex Lsu”.

La Fials-Confsal in una nota spiega che l’azienda piuttosto che applicare la Madia si rifà a vecchie normative e ripropone vecchie procedure concorsuali che valgono solo per un centinaio di lavoratori, mentre di recente aveva comunicato di attendere disposizioni dall’assessorato. E quando queste indicazioni sono arrivate, abbiamo registrato  l’ennesima contraddizione perchè l’Asp sta disattendendo anche la circolare dell’assessore Ruggero Razza che aveva dato il via libera alle stabilizzazioni prevedendo appunto l’applicazione della Madia. “Con questo atteggiamento – spiegano Enzo Munafò e Giuseppe Forte della Fials-Confsal di Palermo – l’azienda conferma l’intenzione di voler modificare i profili professionali dei lavoratori. Tali iniziative sono in palese contrasto con la volontà del governo regionale, continuando a danneggiare i lavoratori contrattisti dell’Asp Palermo che ancora ad oggi sono costretti ad adire le vie legali, con ricorsi al Tar, chiedendo il rispetto della legge regionale e invece l’azienda si oppone costituendosi in giudizio”.

Il sindacato ricorda che “la Direzione dell’Asp ad aprile ha soppresso 500 posti di coadiutore amministrativo, profili per i quali attualmente i lavoratori continuano a svolgere in maniera egregia gli incarichi affidati loro. La  Fials-Confsal lamenta il mancato riscontro di quanto avanzato legittimamente con le proprie note e nel proclamare sin da subito lo stato di agitazione di tutto il personale contrattista, reitera ancora una volta la richiesta di intervento autorevole da parte dell’assessorato regionale della Salute. Alla Prefettura di Palermo si chiede di avviare un ulteriore tentativo di conciliazione al fine di scongiurare azioni di lotta e di sciopero che inciderebbero negativamente sui servizi resi alla cittadinanza.  In mancanza di riscontro, la Fials-Confsal sarà costretta a indire la prima giornata di sciopero per il mese in corso”.

Dall'Asp replicano: "Ferisce, ancora una volta, la polemica e la rappresentazione non corretta dei fatti. L’Azienda ha messo, da subito, a disposizione della stabilizzazione circa 420 posti del piano di reclutamento. Posti che sarebbero, già, stati assegnati ove non ci fossero stati i ricorsi proposti al TAR che, per quanto non abbiano intaccato l’efficacia di nessun atto sin qui posto in essere lasciandoli tutti operativi, ha rinviato ad un giudizio di merito fissato a decorrere dall’8 ottobre del 2020. Proprio perché il Magistrato amministrativo ha mantenuto la validità degli atti dell’Azienda, si rende possibile oggi l’attivazione di processi di stabilizzazione come sin qui programmati. Il problema che questa Asp deve affrontare, trattandosi di 640 unità, la rende unica realtà di queste dimensioni. Una realtà dove evidentemente il fenomeno ha avuto nel passato uno sviluppo incontrollato. L’Azienda continua a confidare sull’apporto di tutti e, soprattutto, degli operatori interessati per potere essere posta nelle condizioni di salvaguardare i 420 posti messi a disposizione, fermo restando l’impegno della Direzione che, per i rimanenti operatori, saranno previste procedure che possano successivamente consentire il loro assorbimento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento