Rapine con pistola a supermercati, farmacie e passanti: sgominata baby gang

Tre giovani sono ritenuti responsabili di numerosi colpi che avrebbero fruttato loro un bottino di oltre 6.500 euro. In un caso avrebbero preso di mira un passante, in via Cappuccini, colpendolo con il calcio di una pistola e portandogli via i soldi

L'assalto nella farmacia della baby gang

In poco più di un mese si sarebbero trasformati nell'incubo di negozianti e passanti, rapinando supermercati e farmacie, ricorrendo alla violenza e terrorizzando le vittime e minacciandole con una pistola. La polizia ha eseguito un provvedimento di "fermo di indiziato di delitto" emesso dalla Procura della Repubblica presso il tribunale dei minorenni nei confronti di tre giovanissimi, accusati di numerosi episodi registrati fra il 7 dicembre 2018 e lo scorso 17 gennaio.

Le immagini degli assalti | VIDEO

Nel mirino sono finiti la farmacia Cucchiara di via Imera (il 9 dicembre), il negozio di abbigliamento Freejoy di via Contessa Adelasia (rapinato due volte, il 7 dicembre e 14 dicembre), il market della catena Conad di via Gaetano La Loggia (11 gennaio 2019) e un passante, aggredito per strada e colpito alla testa dai giovani malviventi affinché consegnasse loro i contanti che aveva in tasca (poco più di 3 mila euro). Quattro colpi messi a segno in un breve arco temporale che avrebbero fruttato loro un bottino complessivo di circa 6.500 euro.

"Le serrate indagini dei Falchi della sezione Contrasto al crimine diffuso“ della Squadra Mobile - spiegano dalla Questura - hanno evidenziato la particolare spregiudicatezza dei componenti della banda i quali, spesso travisati e armati di coltello o pistola, colpivano gli esercizi commerciali di questo centro. In un caso per ben due volte a distanza di una settimana. Riguardo all’ultima rapina compiuta i tre giovani sono stati denunciati anche per il reato di lesioni, per aver ferito la vittima alla testa ed alla bocca". Per i tre si sono aperte le porte del carcere minorile Malaspina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

Torna su
PalermoToday è in caricamento