Falsomiele, seguono l’odore e trovano piantagione di marijuana: un arresto

In manette un diciottenne che, dopo i controlli della polizia, ha confermato di avere utilizzato quei locali al pianterreno per coltivare. Dentro c'erano 75 piante, lampade alogene, ventilatori e una bilancia di precisione

I poliziotti nella piantagione trovata a Falsomiele

Hanno sentito un forte odore provenire dal piano terra di una palazzina, hanno chiesto l’intervento dei vigili del fuoco per aprire la porta e una volta spalancata hanno trovato una coltivazione indoor con 75 piante. La polizia ha arrestato in via Aloi, a Falsomiele, il diciottenne palermitano R.M., accusato di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente e furto aggravato di energia elettrica.

Gli agenti delle volanti e del commissariato Oreto sono arrivati a lui dopo il controllo di un uomo agli arresti domiciliare. Terminata l’attività, infatti, hanno percepito la tipica e acre fragranza della marijuana. "Spostandosi di pochi metri - spiegano dalla Questura - si sono avvicinati a un appartamento posto al pianterreno di un edificio sospettando che potesse esserci una coltivazione di sostanze stupefacenti".

Non riuscendo a trovare il proprietario di quei locali sono intervenuti i vigili del fuoco e anche una squadra dell’Enel. L’intuizione degli investigatori è risultata esatta e infatti, all’interno di quella stanza, c’erano 75 vasi con altrettante piante, lampade alogene, ventilatori, condizionatori, fertilizzanti, forbici da giardinaggio e anche una bilancia di precisione per la preparazione delle “dosi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale della società che eroga la corrente elettrica, invece, hanno accertato l’allaccio abusivo alla rete pubblica. Proprio durante gli accertamenti ha fatto capolino il diciottenne poi arrestato, che ha consegnato le chiavi della porta e ha confermato di essere il coltivatore di quelle piante. Dopo l’identificazione e gli ulteriori accertamenti il giovane è stato arrestato e condotte nelle camere di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento