Aggredita davanti ai figli e costretta a cambiare casa, l'ex marito va ai domiciliari

Nei guai un uomo di 44 anni indagato per atti persecutori e già arrestato nel 2013 per lo stesso reato, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Ad eseguire il provvedimento gli agenti di polizia

(foto archivio)

Aggredita davanti ai figli minorenni e costretta a lasciare la città per sfuggire alla violenza dell’ex marito. Gli agenti di polizia e della Squadra Mobile hanno eseguito ieri sera un provvedimento che dispone la custodia cautelare agli arresti domiciliari per un 44enne indagato per atti persecutori.

Risale a marzo scorso l’ultimo episodio, la goccia che ha fatto traboccare il vaso obbligando la donna a cambiare abitudini di vita e anche casa. Il 44enne era stato già arrestato nel 2013 in flagranza di reato per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e atti persecutori.

“L’anno successivo - spiegano dalla Questura - aveva ricevuto anche un ammonimento da parte del Questore per le reiterate condotte di minaccia e molestie in danno della ex moglie”. A ciò si è aggiunto nel tempo anche in provvedimento di divieto di accesso ai luoghi e alle competizioni sportive.

Dopo gli accertamenti le forze dell’ordine sono entrate in azione come disposto dal giudice per le indagini preliminari Patrizia Ferro su richiesta del sostituto procuratore Ferdinando Lo Cascio, del pool dei reati sessuali coordinato dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento