Rapina allo "scaro", presi alla Kalsa: la folla li protegge e la polizia spara

In quattro travestiti da operai Gesip hanno assaltato uno stand di frutta. Poi sono fuggiti a bordo di due scooter. Durante il lungo inseguimento due hanno fatto perdere le loro tracce, un altro si è disperso tra la gente in via Cervello

Il poliziotto spara in aria

Hanno assaltato uno stand del mercato ortofrutticolo vestiti da operai Gesip e derubato un commerciante con una pistola in pugno. Arrestato uno dei componenti del commando che ha messo una rapina a segno questa mattina in via Montepellegrino. Sono arrivati in quattro, con una pistola calibro 7,65, e sono riusciti a portare via un bottino da circa 10 mila euro. Le vittime hanno subito lanciato l’allarme, permettendo agli agenti di lanciarsi all’inseguimento dei quattro malviventi.

LA SPARATORIA IN DIRETTA/VIDEO

Due dei rapinatori sono fuggiti a bordo di uno scooter lungo via Messina Marine, in direzione Brancaccio, mentre gli altri due hanno deviato verso la Kalsa e sono stati bloccati in via Nicolò Cervello, una traversa di via Lincoln. Secondo quanto rendono noto dalla Questura vicino alle volanti di polizia si è formato un capannello di persone, che hanno tentato di aggredire gli agenti per impedire l’arresto. Per disperdere la folla i poliziotti sono stati costretti a sparare due colpi in aria, ma uno dei due malviventi è riuscito ad approfittare della situazione di caos per fuggire.

L'arrestato si trova alla Squadra mobile dove viene interrogato. Mentre le persone intervenute in soccorso dei rapinatori, una volta identificate saranno denunciate per favoreggiamento. Gli investigatori sarebbero alla ricerca delle immagini di alcune telecamere di videosorveglianza della zona della Kalsa che potrebbero aver ripreso la scena da un angolazione diversa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento