Rubano gasolio da un pullman, poi la fuga su una "bomba a 4 ruote": due arresti

In manette due giovani di 25 e 30 anni che avevano svuotato il serbatoio di un mezzo parcheggiato vicino alla scuola Pertini. All'arrivo delle volanti sono scappati a tutta velocità verso lo Sperone non curanti di semafori rossi e auto e soprattutto del carico "esplosivo"

Prima hanno rubato oltre centro litri di gasolio da un pullman e poi, sentendo le sirene, si sono dati alla fuga sfrecciando a bordo di quella che di fatto era stata diventata una "bomba a quattro ruote". La polizia ha arrestato allo Sperone due uomini di 25 e 30 anni, R.M. e G.M. con l’accusa di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale. Per i due, al termine dell’udienza di convalida, è stata disposta la detenzione agli arresti domiciliari.

L’episodio del furto risale alla sera dello scorso 10 settembre. I due ladri si sono piazzati con la loro Fiat Punto di fianco a un pullman parcheggiato vicino alla scuola Sandro Pertini. Dopo aver forzato lo sportellino del serbatoio hanno attivato una pompa aspirante nascosta dentro l’auto per estrarre il gasolio e travasarlo in una decina di bidoni in plastica riposti sul sedile posteriore e nel portabagli. Una scena che, nonostante il buio, non sfuggita a qualche passante che ha subito lanciato l’allarme al 113.

Sul posto sono arrivate due volanti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico che si sono lanciate immediatamente in uno spericolato inseguimento. Una folle corsa durata circa 2 chilometri e che si è conclusa allo Sperone, dove la Fiat Punto è arrivata zigzagando tra le auto e sfrecciando sotto i semafori rossi. Abbandonata l’auto in via Antonio Pigafetta i ladri sono scappati a piedi, ma dopo qualche centinaio di metri sono stati catturati.

Una volta arrestati R.M. e G.M. sono stati portati in Questura in attesa del giudizio per direttissima che si è celebrato la mattina successiva. Nel corso degli ulteriori accertamenti è stato constatato che il giovane che si trovava al volante non aveva la patente, mentre il mezzo è stato posto sotto sequestro. L’autorità giudiziaria, in attesa del processo, ha sottoposto entrambi agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Peccato che non ci sia stato il botto...

  • Avatar anonimo di tony
    tony

    Dato che non sono in arresto avranno fatto altri furti tanto se incocciano sempre uno ne pagano.

  • Spero che il Questore legga il tuo messaggio ed inviti gli agenti delle volanti a seguire il tuo consiglio

  • Tutto sto casino per cosa ?! Arresti domiciliari!!

  • Se per questo tra 2 ore sono già fuori...

  • Avatar anonimo di studente
    studente

    Se la Polizia arriva a sirene spiegate è come dire ai fuorilegge "Attento stiamo arrivando, scappa!". Perché si usano le sirene quando invece l'arrivo furtivo e improvviso delle Forze dell'Ordine otterrebbe maggiore efficacia per lotta al crimine? E' una cosa assurda!

    • Smetta di assumere certe sostanze.

    • Le sirene servono ad avvisare gli automobilisti e i pedoni, affinché non intralcino la corsa dell'auto della polizia. In questo modo si evitano incidenti e si arriva più celermente nel luogo in cui si deve intervenire. Ma non si può negare che le sirene mettano anche in allarme chi sta commettendo un reato: l'osservazione pare "ingenua" ma in effetti evidenzia una realtà paradossale

Notizie di oggi

  • Politica

    Viale dei Picciotti, maxi isola ecologica non ancora pronta: concessa proroga di 6 mesi

  • Mafia

    "La signora della droga e i narcos sudamericani": maxi condanne per il clan mafioso di Pagliarelli

  • Mafia

    Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Politica

    Giardino Inglese, la pista contesa: "Pattinaggio su ghiaccio si sposti altrove"

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Regione, auto travolge scooter e fugge: morto un 56enne

  • Incidente in viale Regione, la Rap piange Di Miceli: pirata della strada ha le ore contate

  • Incidente a Finale di Pollina, finisce fuori strada con la moto: morto 40enne

  • Titolare di un pub picchiato a sangue: aveva denunciato e fatto condannare i suoi estorsori

  • Commercianti denunciano il pizzo, il pentito parla: 10 arresti per mafia a San Lorenzo

  • Il pestaggio di Giovanni Caruso, denunciato un trentenne: "E' lui l'aggressore"

Torna su
PalermoToday è in caricamento