Tre schiaffi alla mafia dei pascoli: erano il tormento delle sorelle Napoli, arrestati

Recinzioni tagliate, invasioni di campo e cani brutalmente uccisi. Accertate le responsabilità di Simone La Barbera ("Il lungo", fermato con l'operazione Cupola 2.0) Antonino Tantillo e Liborio Tavolacci nella tentata estorsione a Irene, Gioacchina e Marianna Napoli

Le sorelle Napoli di Mezzojuso

Recinzioni tagliate, “invasioni di campo” di intere mandrie, minacce, lanci di pietre e altro ancora per costringere le sorelle Napoli a cedere la loro azienda agricola e lasciare Mezzojuso. I carabinieri hanno arrestato Simone La Barbera (detto “Il lungo”, fermato nel corso dell’operazione antimafia Cupola 2.0), Antonino Tantillo (detto “Nenè”) e Liborio Tavolacci con l’accusa in concorso di tentata estorsione a Irene, Gioacchina e Marianna Napoli nonché a Gina La Barbera. A firmare l’ordinanza di custodia cautelare su richiesta della Procura è stato il gip di Termini Imerese.

Le indagini avviate nel 2015 hanno permesso di appurare una serie di circostanze che da tempo avevano tolto la serenità alle sorelle Napoli, che dopo la morte del padre risalente al 2006, ereditarono le sue proprietà. Ma da allora fu l’inizio di un incubo. I carabinieri della compagnia di Misilmeri e della stazione di Mezzojuso hanno accertato il taglio sistematico delle recinzioni poste a protezione dell’azienda, eseguito da qualcuno che poi portava lì i suoi animali per danneggiare il loro raccolto. Oltre al danneggiamento del lucchetto del casolare di campagna in almeno tre occasioni e addirittura la brutale uccisione di due cani.

L’inizio del calvario andrebbe ricercato nell’anno 1998. Un giorno, secondo quanto ricostruito dall’accusa, Antonino Tantillo avrebbe teso un agguato a Irene e Gioacchina Napoli ostruendo il passaggio della loro auto per poi scagliare contro di loro diverse pietre. A quell’episodio ha assistito Epifanio Mastropaolo - attuale sindaco di Godrano - il quale, ricostruisce la Procura, convinse le sorelle a non denunciare Tantillo, portandole poi dall’ormai defunto mafioso Nicola La Barbera, conosciuto come “Don Cola”, che con la sua parola riuscì a bloccare momentaneamente le invasioni nei terreni delle Napoli.

Alla sua morte, però, l’incubo delle tre sorelle tornò con tutta la sua prepotenza e ricominciarono i danneggiamenti. “La Barbera, Tavolacci e Tantilo - spiega la Procura - introducevano i loro animali e gli animali di proprietà dell’Istituto zootecnico di Giardinello (custoditi da La Barbera e Tavolacci) all’interno delle proprietà delle Napoli attraverso il taglio delle recinzioni”. Da lì ricominciarono le pressioni affinché cedessero l’azienda di famiglia o la facessero gestire a terzi. La Barbera però promise che se avessero mollato, e avessero ritirato anche una delle denunce contro lui e Tavolacci, si sarebbe impegnato in prima persona per bloccare danneggiamenti e nuove invasioni.

Dopo i primi esposti presentati da Irene, Gioacchina e Marianna e le prime indagini la Procura di Termini decise di archiviare il tutto, ritenendo provata la tentata estorsione ma non riuscendo a ricondurla ai tre oggi finiti in carcere. Ad incastrarli la denuncia per calunnia presentata da Simone “Il lungo” La Barbera, che ha consentito alla magistratura e agli investigatori di fare nuove indagini e intercettazioni, trovando prove delle piena colpevolezza di La Barbera e dei suoi complici. Dall’inizio di questa storia ad oggi, però, oltre ad aver subito questa lunga serie di episodi, le sorelle Napoli hanno dovuto affrontare l’isolamento da parte del resto del paese dov’è è nato anche un comitato a favore del buon nome di Mezzojuso invece che in favore delle vittime.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (21)

  • brave peccato che per la legge italiana il vostro eroismo conterà poco per non dire nulla tra non molto sarete abbandonate al vostro destino tranquille come del resto di questi film se ne sono visti a migliaia

  • speriamo che sia finito il Calvario e Auguri alle Sorelle Napoli

  • Ottima notizia, ma ancora...

  • Ho seguito l'intera vicenda delle sorelle Napoli su tante puntate di "Non è l'Arena" ed ogni volta ho provato vergogna , da siciliano, per il comportamento e l'atteggiamento tenuto con stupefacente pervicacia dal sindaco di Mezzojuso, consiglieri del medesimo comune ed abitanti del paese. In quanto al sindaco di Godrano credo ci siano tutti gli elementi per indigarlo in quanto, da quanto emerge, colluso con i personaggi arrestati e certamente non ha dimostrato di potere essere "uomo dello Stato". Perfino gli appelli della figlia del Generale Dalla Chiesa , diretti al sindaco di Mezzojuso, sono caduti nel vuoto più assoluto. La politica faccia pulizia al suo interno e mandi queste persone a fare qualcos'altro , non hanno , a mio parere, l'onorabilità e la legalità che "uomini dello Stato" DEVONO AVERE E DIMOSTRARE. UNA VERGOGNA!

  • Speriamo che avvocati e giudici non li facciano uscire presto

  • Brave le sorelle!!

  • Sarei curioso di leggere qualche commento di un qualsiasi cittadino di Mezzojuso....!!!

    • Penna e calamaio...

      • Aspetta e spera

        • Concordo.

  • Avatar anonimo di giuseppe
    giuseppe

    Piena ammirazione alle sorelle Napoli. Siete lo specchio dei siciliani onesti.

  • Se fossi un abitante di mezzojuso mi vergognerei...... Paese omertoso da lì nessun segno di solidarietà alle sorelle Napoli.

    • Condivido, hanno dato l'immagine di un paese ignorante, asservito ai mafiosi, oscurantista, una immagine davvero pessima.

  • la mafia fa schifo!!brave li avete messi al posto giusto!!

  • sorelle Napoli siete quelle che ognuno di noi dovremmo essere.

  • Evidentemente c’é un problema nello Stato. Anni e anni di denunce, prevaricazioni vigliacche e danneggiamenti ma qualcosa si muove dopo le trasmissioni della televisione? Ma le indagini che portavano all’archiviazione......mah

    • Avatar anonimo di Salvatore
      Salvatore

      La penso come te, anni di indagini a causa di leggi inefficaci e si riesce ad avere il lieto fine solo perché il colpevole ha inventato di essere stato calunniato. NON È NORMALE, NON È LOGICO, NON È CIVILE.

  • Avatar anonimo di Senzapaura
    Senzapaura

    Non vedo commenti del geologo.

  • Vili pastori...

  • Avatar anonimo di klauss
    klauss

    3 donne con gli attributi d'acciaio...speriamo che lo Stato faccia il suo...speriamo...

  • Viva la libertà e abbasso la schiavitù mafiosa. Solidarietà alle sorelle Napoli.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Con un'auto buttano giù distributore e lo portano via: furto da 20 mila euro in tabaccheria

  • Mafia

    "Paga o ti faccio chiudere il cantiere": ma lui si ribella e fa arrestare uno dei Graviano

  • Cronaca

    Riina junior ora è libero: "Si dedica alla fattoria, ha cambiato vita"

  • Cronaca

    Ragazza trova ladro dentro la sua auto: lui scappa, sale su uno scooter e la investe

I più letti della settimana

  • Ha il reddito di cittadinanza ma viene sorpreso a Sferracavallo mentre lavora in nero

  • Travolto da una moto in via Notarbartolo: il cuore si ferma, salvato da due passanti

  • La droga "calabrese" venduta a Palermo, i nomi degli arrestati

  • Fiumi di droga da Calabria e Campania: smantellata banda, 19 arresti

  • La coca sul camper e il maxi giro d'affari: "Che sono 300 chili di fumo? Un pelo di m..."

  • Incidente allo Zen, tragico scontro tra un'auto e uno scooter: morto un 39enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento