Terrasini, cambia il comandante dei carabinieri: quattro arresti in tre mesi

Il maresciallo Giuseppe Balducci, 42 anni, nato a Grumo Appula, in provincia di Bari, a luglio ha preso il posto del maresciallo Antonio Imperato

La caserma dei carabinieri a Terrasini

Particolarmente proficui gli ultimi tre mesi di attività del comando dei carabinieri di Terrasini: sono stati ben quattro gli arresti da luglio ad oggi, gli ultimi due messi a segno negli ultimi quindici giorni.  A luglio, presso la stazione, si è insediato un nuovo comandante: il maresciallo Giuseppe Balducci, 42 anni, nato a Grumo Appula, in provincia di Bari, che ha preso il posto del predecessore Antonio Imperato.

Il nuovo comandante è già al secondo incarico in Sicilia, precedentemente ha operato ad Alcamo, nel trapanese, e conosce quindi il territorio. Balducci, noto alle cronache proprio per l'alto numero di arresti che hanno contraddistinto la sua attività a Mantova, città dove ha prestato servizio prima di essere trasferito a Terrasini, dunque non si smentisce. Dal suo arrivo sono ben quattro i malviventi finiti in manette. 

TRE ARRESTI PER DROGA. La scorsa settimana, T.G., queste le iniziali dell'uomo, è stato arrestato e sottoposto all'obbligo di firma, dopo essere stato beccato con 200 grammi di marijuana in casa. 

Il 10 settembre scorso, Paride Andrea Lombardi, 26 anni, pregiudicato, è stato arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e altre tre persone sono state denunciate per ricettazione. I militari hanno trovato in casa sua e sottoposto a sequestro oltre 70 dosi già confezionate e tre involucri di marijuana, un panetto di hashish e altre nove dosi già confezionate, per un peso di circa 500 grammi. Il blitz è scattato dopo che i carabinieri avevano notato uno strano viavai nei pressi del suo appartamento, dove sono stati trovati anche piccoli elettrodomestici e ciclomotori oggetto di furto.

Ad agosto un'altra operazione antidroga dei carabinieri ha portato ad un arresto e tre denunce. Il blitz è avvenuto in via Dei Mille, vicino la Chiesa Maria SS. Della Provvidenza. Nel corso dell’intervento i militari dell’Arma hanno constatato che sia gli acquirenti che gli assuntori della droga erano minorenni.

UNA TENTATA ESTORSIONE. Un'altra persona, sulla cui identità c'è il massimo riserbo, dato che l'indagine è in corso, la scorsa settimana è finita ai domiciliari, con l'accusa di tentata estorsione. E' accusata anche di atti persecutori. “Siamo soddisfatti di questi risultati – ha detto il sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci – che rafforzano anche il rapporto collaborativo tra l’amministrazione e l’Arma dei Carabinieri, che perseguono assieme, nel rispetto dei propri ruoli e competenze, l’obiettivo di combattere la criminalità e di garantire la sicurezza dei cittadini, facendo prevalere i principi di trasparenza e legalità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • "Palestra trasformata in un ambulatorio del doping", 4 arresti e 16 indagati

  • Reddito cittadinanza, il caso di una coppia di Palermo: "Mentono al Fisco, card sequestrata"

  • Quando Totò Riina fu arrestato: "In carcere le guardie gli urlavano 'Stai zitto, prigioniero'"

  • Calogero non ce l'ha fatta: morto il 27enne malato di linfoma che ha commosso l'Italia

Torna su
PalermoToday è in caricamento