Consigliò a negoziante di pagare il pizzo, poliziotto ai domiciliari

Per lui l'accusa è favoreggiamento aggravato e omessa denuncia di reato. L'agente è sotto la lente della procura per un giro di compravendita di automobili che avrebbe coinvolto anche esponenti delle cosche

Un poliziotto di 41 anni è finito agli arresti domiciliari su ordine del gip con l'accusa di favoreggiamento aggravato e omessa denuncia di reato perché avrebbe consigliato a un pasticcere di pagare il pizzo alla mafia. Lo scrive Repubblica-Palermo. Il poliziotto è anche sotto la lente della procura per un giro di compravendita di automobili che avrebbe coinvolto anche esponenti delle cosche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

Torna su
PalermoToday è in caricamento