Antonello Montante lascia il carcere: concessi gli arresti domiciliari per motivi di salute

L'ex presidente di Sicindustria era stato arrestato nel mese di maggio per corruzione. Il gip aveva stabilito che pur sussistendo una patologia le condizioni erano compatibili con la detenzione. Di diverso avviso il Riesame, che ha accolto la richiesta della difesa

L'ex presidente di Sicindustria Antonello Montante, sotto processo a Caltanissetta per corruzione, può lasciare il carcere. Gli sono stati concessi gli arresti domiciliari per motivi di salute.

Il giudice per le indagini preliminari aveva stabilito, sulla base di una perizia, che pur sussistendo la patologia le condizioni di Montante erano compatibili con la detenzione. Di diverso avviso il Riesame che si è affidato a un collegio dei periti e ha accolto l'istanza degli avvocati della difesa Giuseppe Panepinto e Carlo Taormina.

Montante era in carcere dallo scorso maggio. "Finalmente - dice Panepinto all'Adnkronos  - anche il Tribunale del Riesame ha riconosciuto che le esigenze cautelari devono essere rapportate con le esigenze di salute e non si devono mai trasformare in trattamenti disumani". 

      

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • giustizia = 00 ha sbagliato e dovrebbe pagare sta male nei carceri ci sta l'infermeria o l'ospedale per i detenuti .Siamo una nazione di un totale BUIO

  • Quale patologia? La spavalderia?

  • Genre che non sa cos'è il pudore, con quelle facce come il c***

Notizie di oggi

  • Mafia

    "La mafia è stata decapitata, Palermo non permetterebbe mai a Messina Denaro di fare il capo"

  • Politica

    Musumeci: "Per risollevare la Sicilia serve il bisturi, che sia una Pasqua di resurrezione"

  • Cultura

    La Casa delle Farfalle resta aperta per le feste: a Pasqua e Pasquetta orario continuato

  • Politica

    Via Maqueda e corso Vittorio, a Pasqua si va a piedi: il Comune "studia" la chiusura totale

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

  • Incidente in via Lanza di Scalea, auto contromano si schianta contro moto: due feriti

Torna su
PalermoToday è in caricamento