Palermo ricorda Padre Puglisi con una festa davanti alla Cattedrale

Il sacerdote fu freddato a Brancaccio il 15 settembre del 1993, nel giorno del suo compleanno. All'iniziativa in suo ricordo parteciperanno decine di artisti e un gruppo di ragazzi detenuti nel carcere minorile di Trapani

Una vera e propria festa, con esibizioni di artisti davanti alla Cattedrale. Così l'Arcidiocesi celebra padre Pino Puglisi, nell'anniversario della sua morte. La mafia lo ha ucciso - punendolo per il suo impegno antimafia - il 15 settembre del 1993, proprio nel giorno del suo compleanno.  La manifestazione è stata fortemente voluta dall'arcivescovo Corrado Lorefice, che con Puglisi lavorò in gioventù. Un momento di condivisione dal titolo non casuale: “Festa con 3P”, come Puglisi amava farsi chiamare.

"Noi non piangiamo un uomo morto - sottolinea il delegato arcivescovile don Francesco Michele Stabile - ma viviamo della gioia di un uomo risorto di cui intendiamo fare memoria. Padre Puglisi non appartiene soltanto alla comunità ecclesiale, ma a tutta la società civile per la quale ha lavorato e in particolare per Brancaccio che voleva dotare di servizi. Inoltre vogliamo ricordare il prete ucciso per mano mafiosa quale figura di grande educatore che ha accompagnato la formazione di tanti giovani".

LEGGI ANCHE: IL PROGRAMMA COMPLETO DEGLI EVENTI

Alle 18 in punto Lorefice e don Luigi Ciotti celebreranno la messa in Cattedrale, dalle 20.30 invece la festa vera e propria. Parteciperà anche un gruppo di ragazzi detenuti nel carcere minorile di Trapani, che hanno chiesto di partecipare all'evento "spendendo" in questo modo il permesso di libera uscita che hanno a disposizione. Tra gli artisti che hanno aderito gratuitamente: Roberto Lipari, Salvo Piparo, Sei Ottavi, Lucina Lanzara, Lassatil Abballari, Coro Polifonico del Balzo, Stefania Blandeburgo, Compagnia del Ciclope, Pirati dello Spirito, Sergio Munafo', Compagnia Movimento e Danza, Cris Peace, Volontari Clown Vip. Prevista la partecipazione straordinaria di Moni Ovadia e don Luigi Ciotti, che faranno una riflessione universale sul messaggio di padre Puglisi. Sarà un modo diverso per ricordare il sacerdote padre Puglisi attraverso le sue parole, che daranno il via alle performance dei singoli artisti.

Anche Brancaccio, quartiere di origine del sacerdote, si prepara alla ricorrenza. È fissata per le 11,30 l’inaugurazione dei “Lavatoi Comunali” di via Germanese, interamente ristrutturati con fondi del ministero dell’Interno. Apriranno al pubblico come centri polifunzionali sul tema della legalità.

Il presidente del Senato Pietro Grasso, su Facebook, ricorda padre Puglisi con tre parole: "fede; coraggio; resurrezione". "La fede - scrive - è stata la forza che lo ha sostenuto nei momenti difficili, quelli che anche gli uomini straordinari come lui provano nel corso della vita. Ha portato il messaggio di Cristo lì dove era più necessario, dove la vita è più dura, dove la speranza di un futuro migliore è una luce fioca e non un diritto di ciascun individuo. Di coraggio, non spavalderia, Don Pino ne aveva da vendere. Sapeva che per il suo impegno ci sarebbero state conseguenze eppure non si sottrasse alla sua missione. Denunciò la mafia, disse che la cultura di ‘cosa nostra’ era totalmente in contrasto con i principi del Vangelo e della legalità. Aveva fiducia nei giovani, sapeva che da loro sarebbe giunta la spinta necessaria ad abbattere il muro di omertà e consenso che è linfa vitale per le mafie. Giorno dopo giorno ha educato migliaia di ragazzi, li ha resi consapevoli, desiderosi di rompere le catene che imprigionavano la Sicilia attraverso la cultura della legalità e della conoscenza. Beato Pino Puglisi è stato assassinato sulla porta di casa, 23 anni fa, nel giorno del suo compleanno. I suoi assassini credevano che le pallottole lo avrebbero fermato, uccidendolo per sempre. Quella sera di settembre, invece, Don Pino ha iniziato una nuova vita nel cuore e nelle menti di chi si impegna a contrastare la criminalità organizzata anche nei piccoli gesti quotidiani".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento