Strage di Capaci, Maria Falcone: "I nemici di Giovanni? I suoi 'amici' magistrati"

A pochi giorni dall'anniversario dell'attentato in cui morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta, la sorella del magistrato torna a denunciare il pesante clima che si viveva al Palazzo di giustizia

Maria Falcone

"I nemici principali di Giovanni furono proprio i suoi amici magistrati. Molti di loro non sono stati leali mentre alcuni gli sono stati davvero amici come Chinnici, Caponnetto, Guarnotta, Grasso, Ayala". Lo ha detto Maria Falcone in un'intervista a 'Soul', il programma-intervista di Tv2000, nella puntanta che andrà in onda domenica alle 12.15 e alle 21.30, alla vigilia dell'anniversario della strage di Capaci. "Tanti furono gli attacchi e le sconfitte - ha aggiunto Maria Falcone - tanto che fu chiamato il giudice più trombato d'Italia e purtroppo lo è stato ed è stato lasciato solo. Ma il fatto stesso che i giovani continuino a vedere in lui l'esempio di un uomo che ha saputo sacrificare la sua vita per il bene comune, pure non essendo un fervente cattolico ma un laico che credeva nell'amore del prossimo, è bello ed emozionante".

GUARDA IL VIDEO: DOPO 25 ANNI E' CAMBIATO QUALCOSA? COSA NE PENSANO I PALERMITANI

"Giovanni - ha proseguito Maria Falcone - si è inventato tutto nella lotta alla mafia. Quando lui è arrivato a Palermo la mafia sembrava quasi non esistesse, non se ne faceva nemmeno il nome, vari uomini politici non la nominavano, la Chiesa non la conosceva". A Tommaso Buscetta, ha ricordato Maria Falcone, "Giovanni gli aveva cambiato completamente la vita, perchè gli aveva dato il senso dello Stato". Per questo motivo la sorella del magistrato oggi è impegnata a sensibilizzare soprattutto i più giovani ai temi della mafia: "Giovanni è considerato il servitore dello Stato che credeva nei valori con i quali noi siamo cresciuti, secondo quel detto meraviglioso: quando la Patria chiama bisogna andare. Giovanni è stato chiamato ed è andato".

(Fonte Italpress)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento