Omicidio D’Aleo, Bommarito e Morici: Balestrate intitola alle vittime un centro giovanile

E' stato inaugurato in occasione del 35esimo anniversario dell'assassinio. Commemorazioni in ricordo dei tre militari anche a Palermo, sul luogo dell'eccidio, e a Monreale dove le vittime prestavano servizio

Trentacinque anni il capitano Mario D’Aleo, l’appuntato Giuseppe Bommarito e il Carabiniere Pietro Morici venivano uccisi dalla mafia. Questa mattina, alle 9:30, il comandante generale dell’arma dei carabinieri Giovanni Nistri, il comandante interregionale “Culqualber” Luigi Robusto, il comandante della legione Sicilia Riccardo Galletta e i famigliari dei caduti, li hanno ricordati deponendo una corona d’alloro in via Cristofaro Scobar, luogo degli omicidi. 

“Conoscevo il capitano D’Aleo - ha dichiarato il comandante Nistri, dopo avere ringraziato i bimbi e le maestre presenti - , era mio anziano d’accademia, ne conoscevo lo sguardo, gli occhi e il suo modo di parlare, mentre non conoscevo personalmente l’appuntato Bommarito ed il carabiniere Morici, ma li ho conosciuti leggendo e ascoltando”. Il comandante ha ricordato che le cause del loro omicidio sono da ricercare nell’attività investigativa che i militari conducevano in riferimento alle famiglie mafiose di Monreale e San Giuseppe Jato nonché alla ricerca degli autori dell’omicidio per mano mafiosa del capitano Basile, che aveva preceduto il capitano D’Aleo al comando di Monreale. 

In quegli anni - tra il '77 e il '92 - sono state diverse le vittime dei servitori dello Stato. "Morti non inutili, perché grazie al loro sacrificio - continua Nistri - sono stati fatti grandi passi avanti nella lotta alla mafia, instaurando nuove strategie, disarticolando l’associazione mafiosa e individuando le nuove leve delinquenziali".

"Mario D'Aleo, Giuseppe Bommarito e Pietro Morici - ha detto il sindaco Leoluca Orlando - furono vittime di un'epoca buia della nostra storia, un periodo nel quale gli uomini che sceglievano di essere servitori dello Stato si trovavano spesso isolati, lasciati soli a combattere la mafia che aveva il volto delle istituzioni. A loro va un doveroso e sentito ringraziamento, consci del fatto che il sacrificio di questi uomini è stato parte integrante del percorso di liberazione della Sicilia dalla mafia militare e culturale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Monreale, in via Venero, ai piedi della lapide che ricorda i tre militari, allora effettivi alla Compagnia carabinieri di quel comune, è stato deposto un cuscino di fiori. A Balestrate, in via Loi, si è svolta la cerimonia di intitolazione e inaugurazione del centro di aggregazione giovanile intitolato ai tre militari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

Torna su
PalermoToday è in caricamento