Orlando ricorda Impastato: "Con Mattarella è esempio di rottura con la cultura mafiosa"

Leoluca Orlando ha partecipato alle iniziative in memoria di Peppino Impastato, nel 41esimo anniversario della sua uccisione: "Ribadiamo l'impegno a difesa della Costituzione"

Peppino Impastato

"Essere a Cinisi per ricordare Peppino Impastato è un atto doveroso, un doveroso momento di memoria attiva ancora più importante oggi per ribadire l'impegno a difesa della Costituzione e dei suoi valori fondamentali nati dalla lotta antifascista". Lo ha detto Leoluca Orlando partecipando alle iniziative in ricordo di Peppino Impastato nell'anniversario dell'uccisione. 

Di Maio ricorda Peppino Impastato: "E' stato un eroe nazionale“

orlando-6-24Per il primo cittadino "riaffermare e difendere i principi della Costituzione credo che sia il modo migliore per ricordare Peppino Impastato e Piersanti Mattarella, che sembrano così lontani eppure sono così vicini. Sono i due esempi più forti, prima della stagione delle stragi, di rottura con la cultura e politica mafiosa della nostra regione. Uno è l'espressione più alta della società civile che si ribella, l'altro è l'espressione più alta di una Istituzione che si ribella. Tenerli insieme credo che sia il modo migliore per far comprendere che chi combatte o ha combattuto la mafia, ha dovuto superare le contraddizioni della famiglia nel caso di Peppino e le contraddizioni del proprio partito nel caso di Piersanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Peppino, i 100 passi e la lotta alla mafia nata in famiglia: Cinisi ricorda Impastato

"Il modo migliore per onorare il loro sacrificio - ha concluso Orlando - è dire 'missione compiuta' non completata ma compiuta. Grazie anche al sacrificio di Peppino Impastato, i vari Tano Badalamenti e i vari capimafia sono ormai minoranza e comunque realtà marginale rispetto a una comunità che si è costruita e che è sempre più forte".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento