Anello ferroviario, ultimatum di Rfi a Tecnis: "Un mese di tempo per riprendere i lavori"

Se così non fosse il contratto sarà rescisso. La settimana scorsa il sindaco Orlando aveva chiesto di essere nominato commissario straordinario dell'opera che doveva essere completata nel 2017. La consegna non è stata rispettata e il cantiere è praticamente fermo

Ultimatum di Rfi a Tecnis sul cantiere dell’anello ferroviario: l'azienda catanese ha un mese di tempo per comunicare se ha intenzione di riprendere i lavori o se vuole rescindere il contratto. L'appalto si sarebbe dovuto concludere nel 2017 ma la consegna non è stata rispettata. E la Tecnis, frattanto finita in amministrazione straordinaria, ha realizzato solo il 30% dell'opera. Una "lentezza intollerabile" secondo il Comune di Palermo che solo la scorsa settimana ha scritto una lettera alla stazione appaltante Rfi, firmata dall'assessore alla Mobilità Giusto Catania, preludio alla richiesta di commissariamento per la gestione diretta dei lavori. "Il Comune - ha dichiarato il sindaco Orlando in quella occasione - non può più tollerare l'inaccettabile immobilismo che contraddistingue quest'opera. Siamo pronti, anzi chiediamo a gran voce di poterlo fare, ad assumerci in prima persona le responsabilità per rimettere in moto i cantieri e completare dei lavori che, è bene ricordarlo, avrebbero dovuto concludersi due anni fa".

Dopo che il Comune ha fatto la voce grossa, anche Rfi scende in campo: "Abbiamo riscontrato da maggio la sostanziale interruzione delle attività e, non essendo ulteriormente ammissibile il procrastinarsi di tale situazione di stallo che sta gravemente ledendo gli interessi del comune di Palermo, per il quale Rfi svolge il ruolo di soggetto attuatore dell’appalto, si intima a codesto spettabile commissario straordinario di far conoscere le proprie determinazioni in merito alla prosecuzione o meno del rapporto contrattuale”. Ad aver bloccato i cantieri è la procedura di vendita del ramo d’azienda che, dopo la rinuncia dei Pessina, è ferma al palo. 

Sindacati preoccupati

“La notizia con cui Rfi ha intimato a Tecnis di rescindere il contratto d’appalto dell’anello ferroviario di Palermo - dichiarano in una nota unitaria Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo, Paolo D’Anca, segretario generale Filca Cisl Palermo Trapani e Francesco De Martino, segretario generale Feneal Uil Palermo - ci lascia molto perplessi e ci preoccupa fortemente. Da quando il ministero dello Sviluppo economico ha sospeso le procedure di vendita messe in atto dal commissario straordinario Ruperto, tutti i cantieri in cui era impegnata Tecnis a livello nazionale hanno subito di fatto un fermo vero e proprio, sospendendo le lavorazioni e lasciando i lavoratori a casa in cassa integrazione. Più volte avevamo sollecitato al Mise di accelerare tale procedura, considerati i rischi, anche attraverso le segreterie di Filca Feneal e Fillea nazionali, che più volte hanno sottolineato le necessità di definire tale procedura. Nonostante questo, da parte del governo abbiamo solamente registrato la nomina di altri due commissari, che avrebbero dovuto accelerare la procedura di vendita. Ma questo non è accaduto. In più a una vicenda già di per sé complessa si sono aggiunte le dichiarazioni del Comune di Palermo, anche se tardive, che chiede di gestire l’opera attraverso la nomina del sindaco Orlando a commissario, e quelle dell’assessore regionale alle infrastrutture Falcone, il quale avallerebbe l’ipotesi di una rescissione, qualora Tecnis non dovesse dare un segnale concreto di ripresa”.

Per Fillea Filca e Feneal provinciali entrambe le posizioni sembrano una mossa da parte politica non finalizzata a una vera e propria risoluzione dei problemi: “Da un lato la nomina del sindaco a commissario dell’opera, per effetto del decreto sblocca-cantieri, non pensiamo possa essere condivisa dal governo, anche perché il commissariamento di Tecnis era finalizzato alla vendita di tutto il complesso aziendale, per poi incassare somme tali da poter pagare i lavoratori e fornitori. Il Comune,  mesi e mesi fa, avrebbe al massimo potuto manifestare interesse nell’acquisizione di un ramo d’azienda, e quindi del cantiere dell’anello, provando a convincere Ruperto che questa poteva essere una soluzione. Dall’altro lato, la rescissione sarebbe l’ipotesi peggiore, perché riappaltare un’opera del genere richiederebbe ulteriori anni di lungaggini burocratiche. Di conseguenza la città rimarrebbe sventrata, con le aree di cantiere abbandonate. E il disagio che cittadini e commercianti hanno vissuto in questi anni non sarebbe servito a nulla”. “Rimaniamo convinti - concludono i tre segretari- che la vendita di tutto il complesso aziendale e il subentro di una nuova società sarebbe la soluzione auspicabile. Ma una seconda ipotesi, di concerto con il Mise, i commissari e il Comune a fare da garante, potrebbe essere quella di vendere solamente il cantiere dell’anello a una cordata di imprenditori locali, con competenze e caratteristiche idonee per l’esecuzione dell’opera, dando garanzie sull’occupazione in modo da far ripartire sul serio un opera troppo importante per la città di Palermo”. 

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • A cena fuori con tutta la famiglia, quali sono le pizzerie e i ristoranti bimbo-friendly a Palermo

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

  • Monreale, si allontana da casa per bruciare le sterpaglie: pensionato trovato morto

Torna su
PalermoToday è in caricamento