Amato (Confintesa sanità): "Grazie ai dottori e agli operatori delle guardie mediche"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

“Dobbiamo sempre ringraziare gli operatori, gli autisti soccorritori del 118 ed i medici che con estrema abnegazione compiono il loro lavoro permettendoci di vivere una vita più tranquilla quando questa si complica. Prendendo spunto da ciò che è avvenuto a Capaci ad una coppia di colleghi che si sono visti letteralmente ‘persi’ a causa di alcune complicazioni alla salute della figlia e che hanno ricevuto un grosso supporto morale da parte dei dottori della guardia medica, oltre alle cure del caso, grande segno dell’umanità che circonda questi ambienti e che non costituiscono l’eccezione, bensì la regola”, dichiara così il Segretario Nazionale di Confintesa Sanità, Domenico Amato, relativamente all’episodio avvenuto giorno 15 febbraio presso la guardia medica di Capaci ed ai ringraziamenti pubblici della coppia di genitori per il soccorso fisico ed empatico ricevuto. “Troppo spesso dimentichiamo la fondamentale incidenza che il ruolo del personale sanitario ricopre nelle nostre vite, così come troppo spesso diamo per scontata la fortuna di vivere in uno Stato, come il nostro, dove il diritto alla salute è un pilastro portante della comunità”, conclude Domenico Amato.

Torna su
PalermoToday è in caricamento