Amat, appello dei sindacati: "Senza piano di risanamento pronti alla mobilitazione”

Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti chiedono all'azienda "il nuovo contratto di servizio, il piano industriale, la ricapitalizzazione, la riorganizzazione del personale"

Un piano di risanamento, dopo la perdita di 6 milioni di euro nel 2018, un nuovo contratto di servizio, il piano industriale, la ricapitalizzazione, la riorganizzazione del personale. Sono le principali richieste che i sindacati dei trasporti di Amat, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti presenteranno al presidente di Amat, Michele Cimino, il prossimo 9 aprile durante l’incontro previsto alle 11 al quale prenderà parte anche l’assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania.

I conti sono al centro delle preoccupazioni dei sindacati. “Con il bilancio comunale del 2017 - affermano Franco Mineo Filt Cgil, Salvatore Girgenti Fit Cisl e Franco Trupia Uiltrasporti -, il capitale sociale è sceso di 50 milioni di euro e si è ridotto a 35, serve subito una ricapitalizzazione per garantire la sopravvivenza di Amat e un nuovo contratto di servizio che tenga conto dei costi del tram. Inoltre, torniamo a chiedere un piano di riqualificazione del personale e un piano assunzioni, dato chefra pensioni con la Legge Fornero e quota 100 andranno via entro dicembre circa 45 lavoratori fra autisti e addetti all’officina, servizi cruciali per le attività”.

Da qui l’annuncio: “Se dall’incontro non otterremo una risposta efficace, saremo costretti ad avviare lo stato di agitazione e una mobilitazione per salvare il futuro di Amat, dei lavoratori e dei servizi per i cittadini”. “Auspichiamo che martedì possa partecipare anche l’assessore al Bilancio Roberto D’Agostino. Da tempo chiediamo all’Azienda - aggiungono - di trovare soluzioni adeguate e immediate per garantire un futuro ai lavoratori e assicurare un servizio adeguato ai cittadini. Troviamo assurdo che 50 nuovi bus restino fermi in deposito per la mancanza di autisti, un problema che potrebbe essere affrontato richiamando intanto gli interinali, e da questo dipende l’efficienza del servizio”. I sindacati di Amat aggiungono, “I tempi per un concorso, che comunque bisogna indire, dato chenon si assumono nuovi autisti dal 2000, non sono inferiori agli otti mesi, serve dunque una risposta immediata per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini con l’arrivo di almeno 100 conducenti”. Altro punto sul tavolo che verrà posto dai sindacati riguarda “la necessità di potenziare con il personale i servizi che garantiscono incassi all’azienda, dalle strisce blu, alla vendita di biglietti fino alla verifica sui mezzi. Nel tempo infatti molti ausiliari del traffico sono stati spostati negli uffici, e questo ha comportato una riduzione delle unità di questi servizi, che non fa altro che penalizzare dal punto di vista economico l’Azienda, riducendo i ricavi”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Corleone, auto sbanda e finisce contro un albero: morto diciannovenne

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Palermo dove trovare sconti e fare affari

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento