"Autobus, no al letargo della linea 806 che va a Mondello"

Carlo Cataldi, coordinatore regionale dei Cobas Lavoro Privato settore Trasporti, chiede al più presto un tavolo tecnico con l'amministrazione comunale e l'Amat: "La linea numero 100 (Oreto-Tommaso Natale) si perde nel traffico..."

"I progetti d'autunno sulla mobilità cittadina, recentemente illustrati dall'assessore Iolanda Riolo, non ci convincono: non solo per la tempistica, ma soprattutto perché non sembra che siano legati ad una strategia complessiva". È quanto afferma Carlo Cataldi, coordinatore regionale dei Cobas Lavoro Privato settore Trasporti, che chiede al più presto un tavolo tecnico con l'amministrazione comunale e l'Amat.

"L'assessore Riolo e il presidente Gristina – dice Cataldi – convochino le parti sociali, affinché qualsiasi iniziativa che riguardi la mobilità possa essere condivisa e avvalersi del contributo di chi lavora nel settore dei trasporti. Al di là degli annunci a mezzo stampa, ci domandiamo in che modo il Comune, socio unico di Amat, voglia potenziare le linee centrali visto che l'azienda sconta una carenza cronica di mezzi. Come vuole l'assessore Riolo portare a termine entro l'anno i suoi progetti se, a dichiararlo è lei stessa, il bando per l'acquisto di 33 nuovi bus verrà sbloccato a novembre? Oggi circolano 180 vetture circa al giorno e molte zone periferiche sono rimaste 'scoperte' in seguito al taglio delle linee deciso lo scorso anno da Amat e Comune. L'assessore Riolo vuole forse 'sacrificare' ulteriormente le periferie? Per quanto riguarda la Ztl, ogni ipotesi d’ampliamento non può non passare da un incremento dei bus e da una razionalizzazione dei parcheggi. Speriamo che Comune ed Amat possano fugare presto i nostri dubbi".

A detta dei Cobas, il tavolo tecnico dovrebbe servire anche a rivedere percorsi e linee dell'intera rete urbana. "Non è più tollerabile che in una città a vocazione turistica – aggiungono Giuseppe Rizzo e Piero Giaimo, componenti del direttivo regionale dei Cobas – in autunno venga soppressa la linea 806, che collega il centro a Mondello. Così come non è possibile sostenere linee a lunga percorrenza, come la numero 100 (Oreto-Tommaso Natale), che si perdono letteralmente nel traffico e non mantengono una frequenza regolare. Ecco perché, in attesa che arrivino i nuovi bus, occorre riprogrammare anticipatamente linee e percorsi affinché si possano colmare i tragitti oggi scoperti e integrare al meglio il gommato con le linee tramviarie".

"Rinnoviamo infine all'Amat - concludono Rizzo e Giaimo - l'appello a ripensare le politiche sulla vendita di biglietti e abbonamenti. Non è più rinviabile la reintroduzione dell'app per i ticket e un'attività di promozione che incoraggi l’uso degli autobus. Non è solo una questione di prezzo: il servizio di trasporto pubblico s'incentiva con un'offerta coerente e rispondente alle reali esigenze dell'utenza".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Sopprimere il bus nr 806 il 30 settembre la dice lunga sulla "vocazione turistica di Palermo" professata a parole con tanta retorica, ma poco coltivata nei fatti. Un caloroso GRAZIE a Cataldi, Rizzo e Giaimo per essere i portavoce delle esigenze non soltanto dei concittadini, ma anche dei tanti turisti che arrivano in questa città.

  • se c'e da far andare meglio questo trasporto pubblico su strade a parte quello che si sta pensando, revisionate anche gli autobus vecchi, aggiustate sudili, aria condizionata, e eventuali isolamenti ormai usurati, mi ricordo una volta quando prendevo gli autobus a parte non arrivavano mai tutto vibrava per le colpa delle strade, a volte l'acqua della pioggia entrava, alcuni sedili erano sporchi, quindi se si facesse pulizia, e si riparassero questo problemi già sarebbe un bel passo avanti oltre a risolvere questo problemi che si stanno affrontando con gli acquisti e ciò che si vuol cambiare un merito a percorsi, nei mezzi pubblici e nelle strade non ci camminiamo solo noi ma anche gli stranieri e un buon giudizio favorisce il turismo e quel che du buono se ne ricava, comunque a mio dire queste cose in primis per noi si dovrebbero sistemare e non per gli altri, gli altri solo per conseguenza.

  • È tutto sbagliato.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Treno contro furgone lungo la tratta Palermo-Agrigento, nessun ferito

  • Cronaca

    Rap, l'appello dei sindacati: "Urgente la nomina del cda, sì a figure di alto profilo"

  • Cronaca

    Tragedia a Mondello, operaio cade dal secondo piano e muore

  • Economia

    Il crollo del settore edile a Palermo: 864 lavoratori in meno in un anno

I più letti della settimana

  • Suicidio in via XII Gennaio, 31enne si lancia giù da un b&b e muore

  • Viale Campania, giovane cade dal sesto piano e muore

  • Disneyland a Termini Imerese, l'assessore conferma: "Vertice tra pochi giorni"

  • Palermo-Agrigento, donna trovata morta in strada

  • Incidente sul lavoro nell'Agrigentino: morto operaio bagherese di 25 anni

  • Ancora disagi per i passeggeri Ryanair, sei ore di ritardo per il volo Palermo-Roma

Torna su
PalermoToday è in caricamento