L'Amap recupera l'impianto Nuovo Scillato, Orlando: "Niente acqua a giorni alterni"

Ripristinato il collegamento idrico con Palermo, garantendo un'erogazione di circa 400/500 litri d'acqua al secondo, altrimenti destinati a disperdersi. L'impossibilità di usare l'infrastruttura aveva spinto la Regione a prospettare l'ipotesi dell'erogazione idrica a giorni alterni

Impianto Nuovo Scillato - foto Facebook

Infrastruttura recuperata e addio all'incubo dell'acqua a giorni alterni. È stato inaugurato questa mattina, sulla strada provinciale 9 bis, l'impianto Amap per il recupero funzionale dell’acquedotto Nuovo Scillato. Proprio l'impossibilità di usare la condotta era tra i motivi che aveva spinto la Regione a prospettare l'ipotesi dell'erogazione idrica a giorni alterni.

Presenti all'inaugurazione, tra gli altri, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e i vertici dell’azienda. "E’ finita ogni inaccettabile ipotesi di turnazione dell’acqua – ha annunciato Orlando  - alla quale l’amministrazione di Palermo si era fermamente opposta. Tuttavia, non è sufficiente opporsi soltanto: bisogna comportarsi in maniera tale da rendere la turnazione non più necessaria. E noi ci siamo riusciti, la missione è compiuta, in appena tre mesi, grazie all’impegno dell’Amap e al sostegno delle amministrazioni comunali. Trentaquattro comuni, che voglio ringraziare – ha aggiunto - hanno aderito a questa straordinaria esperienza e oggi, dopo cinque anni in cui andava persa, con lo spreco di un enorme e prezioso patrimonio, adesso l’acqua di Scillato può finalmente essere utilizzata. Siamo già la seconda azienda pubblica che gestisce acqua pubblica in Italia, dopo l’acquedotto pugliese, che però riguarda un’intera regione - ha sottolineato Orlando – il progetto che abbiamo in mente è di fare dell’Amap una grande azienda pubblica nel nostro Paese”.

Il presidente dell’Azienda, Maria Prestigiacomo, ha spiegato che “l’Amap in sinergia con il Comune di Palermo si è attivata a realizzare il ripristino provvisorio della condotta di Scillato, per evitare, visto il periodo siccitoso, la turnazione idrica nella nostra città. Adesso chiediamo alla Regione, che ha svuotato la diga Rosamarina del 40% a causa dei problemi strutturali, diga che era la risorsa pluriennale in caso di siccità, di impegnarsi a risolvere i problemi di Rosamarina e a finanziare al più presto ad Amap il by-pass definitivo di Scillato che è inserito nel patto per il Sud”.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco di Ficarazzi, Paolo Francesco Martorana: "Siamo riusciti a garantire alla cittadinanza un servizio idrico ottimale, rendendo finalmente l'acqua un bene pubblico".

La condotta in Kevlar è stata realizzata dall’Amap nelle contrade Scacciapidocchi (Termini Imerese) e Burgitabus (Cerda), interessate alcuni anni fa da una frana. Si ripristina, in tal modo, il collegamento idrico con la città di Palermo, garantendo un’erogazione di circa 400/500 litri d’acqua al secondo, altrimenti destinati a disperdersi in mare, con il recupero di un volume annuo di circa 15 milioni di metri cubi, equivalenti al 15-20% del volume immesso in rete nella città di Palermo. Gli oneri complessivi dell'intervento, a carico dell'Amap, ammontano a circa 1.540.000 euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento