Altavilla, trova degli ordigni bellici durante un'immersione in mare

Erano adagiati su un fondale di circa 1,5 metri: dopo essere stati individuati sono stati fatti brillare dai palombari della Marina militare

Ordigni bellici ad Altavilla, intervento della Marina militare

Trova degli ordigni bellici durante un'immersione in mare e segnala la "scoperta" alla sala operativa della guardia costiera di Porticello. E' successo nel tardo pomeriggio di domenica nello specchio di acqua davanti al Comune di Altavilla Milicia. E oggi sono terminate le operazioni di bonifica degli ordigni rinvenuti sul litorale. In azione i palombari della Marina Militare in servizio presso il Nucleo Sdai di Augusta con la collaborazione del personale militare e i mezzi navali della Guardia Costiera di Porticello sotto il coordinamento della Direzione Marittima della Sicilia Occidentale e Capitaneria di Porto di Palermo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ordigni si trovavano in località contrada Sperone ed erano adagiati su un fondale di circa 1,5 metri. Si tratttava di proiettili di medio e grosso calibro tutti comunque risalenti al periodo bellico. "Dopo essere stati trasportati al largo sono stati poi fatti brillare in completa sicurezza su un fondale maggiore ad una distanza superiore a un miglio nautico - spiegano dalla guardia costiera -. Come da procedure operative per garantire un adeguato livello di sicurezza anche a tutela dell’incolumità pubblica e della sicurezza degli specchi acquei, l’ufficio circondariale marittimo di Porticello ha emanato apposita ordinanza di interdizione che proibiva qualsiasi tipo di attività (di immersione professionale e sportiva, ancoraggio e navigazione di qualsiasi unità) entro un determinato raggio, nonché richiesto l’emanazione di un apposito avviso ai naviganti. Cogliamo l’occasione per ricordare a tutti gli utenti di segnalare tempestivamente alla Guardia Costiera competente per territorio il ritrovamento di ordigni bellici in mare mantenendosi a distanza di sicurezza evitando di toccarli, annotando se possibile la posizione GPS, fotografarli qualora si abbia al seguito una macchina fotografica subacquea".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, come ordinare da mangiare a domicilio: la lista delle attività a Palermo e provincia

  • Sesso a 3 in strada davanti ai vigili: "Così passiamo la quarantena", denunciata giovane palermitana

  • Controlli sui prezzi di frutta e verdura, rincari anche del 100% di finocchi e fagiolini

Torna su
PalermoToday è in caricamento