Altavilla, ordigni bellici a 10 metri dalla costa: intervengono Marina militare e guardia costiera

La presenza delle bombe, risalenti alla seconda guerra mondiale, era stata segnalata nei giorni scorsi da un apneista. Le forze dell'ordine hanno provveduto alla messa in sicurezza e al trasporto in mare aperto dove sono state fatte brillare

Foto Marina Militare

Marina militare e guardia costiera in azione stamani nello specchio di mare antistante Altavilla Milicia. Il loro intervento si è reso necessario per fare brillare alcuni ordigni bellici trovati a dieci metri dalla costa adagiati su un fondale di neppure due metri. La segnalazione era stata fatta da un cittadino che, nei giorni scorsi, si era accorto della "strana" presenza. Gli accertamenti hanno poi fatto emergere la presenza di altri ordigni scoperti dai militari del Servizio difesa antimezzi insidiosi. 

Un arsenale bellico nel mare di Altavilla, l'intervento della Marina Militare | Video

La bonifica è stata condotta dai palombari del gruppo operativo subacquei (Gos) del comando subacquei e incursori della Marina Militare (Comsubin), distaccati presso il nucleo Sdai (Sminamento difesa antimezzi insidiosi) di Augusta con la collaborazione della guardia costiera di Porticello.

"Le preliminari operazioni subacquee condotte il 26 aprile dai palombari del Comsubin - si legge in una nota della Marina - hanno permesso di individuare, a solo un metro di profondità, due proiettili di grosso calibro, 46 di piccolo calibro, una mina antiuomo tedesca e tra bombe da mortaio, per un totale di 52 ordigni esplosivi tutti risalenti alla seconda guerra mondiale.  L’intervento si è concluso oggi quando, raggiunta una zona di sicurezza individuata dalla locale autorità marittima, gli ordigni esplosivi sono stati distrutti attraverso le consolidate procedure tese a preservare l’ecosistema marino".

"Per garantire l’incolumità pubblica e il regolare svolgimento delle procedure di bonifica - precisano dalla guardia costiera - l’ufficio circondariale marittimo di Porticello ha emanato un'apposita ordinanza che proibiva qualsiasi tipo di attività (di immersione professionale e
sportiva / diportistica / navigazione / ancoraggio di unità) entro un determinato raggio ed è stato emesso un avviso ai naviganti".

“Sulla base della richiesta della Prefettura siamo intervenuti ad Altavilla Milicia per verificare quanto segnalato da un cittadino circa la presenza di un probabile ordigno esplosivo - ha detto il comandante del nucleo Sdai di Augusta, tenente di vascello Marco Presti - Grazie a questa tempestiva segnalazione abbiamo avuto la possibilità di rimuovere i manufatti esplosivi che da oltre 70 anni giacevano lungo quel tratto di mare. Voglio ricordare a chiunque dovesse imbattersi in oggetti simili, che questi manufatti possono essere molto pericolosi e pertanto non devono essere toccati o manomessi in alcun modo, ma ne va denunciato immediatamente il ritrovamento alla locale capitaneria di porto o alla più vicina stazione dei carabinieri, così da consentire l’intervento dei palombari di Comsubin al fine di rispristinare le condizioni di sicurezza del nostro mare”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, violento scontro sulla Statale: un morto

  • Sue le serate più belle del nuovo millennio, Palermo piange per Darin "l'amico di tutti"

  • Appalti, scommesse e pizzo: undici arresti per mafia tra Noce e Cruillas

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Mafia, colpo al mandamento della Noce: ecco i nomi degli 11 arrestati

  • Il pm di Lecco Laura Siani trovata morta in casa, aveva lavorato anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento