homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Allarme sicurezza in città, Guaglianone (Ugl-Les Polizia): "Basta tagli"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Si fanno  seVmpre più frequenti a Palermo gli episodi criminali ai danni di cittadini e turisti, vittime di scippi, rapine e furti in abitazione. E' di qualche giorno fa il tentativo di scippo ad una donna incinta, sventato grazie all'intervento provvidenziale di alcuni passanti che hanno inseguito e bloccato i malviventi in attesa dell'arrivo delle forze dell'ordine. Ma anche la storia, non a lieto fine, di un poliziotto fuori servizio  accerchiato e rapinato da quattro giovani armati". A denunciarlo Pasquale Guaglianone, segretario di Palermo di Ugl-Les Polizia.

"Quello che ci sconvolge e ci preoccupa - aggiunge  Guaglianone, -  è che questi fatti siano accaduti di giorno e in pieno centro. Ciò a riprova di quanto sia ormai spregiudicata l’azione di questi banditi in un momento storico in cui, con l'inclusione del centro storico di Palermo nell’elenco dei siti patrimonio dell’Unesco, si prevede l'arrivo di numerosi visitatori".

"Nonostante la situazione sicurezza sia molto critica -  continua il sindacalista  - qualche giorno fa il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha firmato il decreto che prevede il declassamento, cioè il passaggio da dirigenziale a direttivo, dei commissariati 'Libertà' e 'Oreto', competenti per l'area centro storico di Palermo. Tale declassamento fa temere un’ulteriore diminuzione di personale che andrà ad incidere negativamente sulla sicurezza dei cittadini".

“Auspichiamo pertanto che, sulla base di una effettiva valutazione della situazione di emergenza in cui versa la città, si ponga fine a questi tagli indiscriminati di personale e che la 'questione Palermo' ritorni ad essere una priorità del Governo",  conclude Guaglianone.

Torna su
PalermoToday è in caricamento