Albero di oltre 10 metri finisce in strada alla Zisa, un ferito e diverse auto danneggiate

E' accaduto all'incrocio tra via Silvio Pellico e via Cipressi. Sul posto vigili del fuoco, polizia municipale, carabinieri e ambulanze. Schiacciate le coperture di una macelleria e di un'altra bottega

L'intervento dei vigili del fuoco in via Silvio Pellico

Albero piomba in strada alla Zisa: un ferito e diverse auto danneggiate. Un grosso esemplare dal tronco lungo oltre dieci metri è caduto all’incrocio tra via Silvio Pellico e via Cipressi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la polizia municipale, i carabinieri, un’ambulanza del 118 e i tecnici dell'Enel per ripristinare una linea interrotta dall'incidente. A spingerlo giù avrà contribuito l'improvviso temporale che ieri ha interessato la città.

Dopo un primo scricchiolìo l'albero è venuto giù colpendo in maniera lieve un passante, poi soccorso dal 118 e portato al Policlinico per accertamenti. Le sue condizioni fortunatamente non desterebbero preoccupazioni. I vigili del fuoco, arrivati in meno di 10 minuti, hanno iniziato a segare i rami e il tronco per rimuoverli e ripristinare la circolazione. Da valutare i danni subiti da due piccole botteghe le cui coperture sono rimaste schiacciate.

Protagonista di un incendio divampato ieri nella zona di Villabate un altro albero, che ha preso fuoco dopo essere stato colpito da un fulmine. Villabate, fulmine colpisce un albero e scoppia incendio in un deposito: tir in fiamme
Le fiamme si sono rapidamente estese e hanno interessato il deposito di agrumi "Fruttasana" in via Benedetto Civiletti. Accanto a delle pedane in legno, c'erano anche macchiari e mezzi pesanti: tutto danneggiato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un altro albero è caduto, intorno alle 19 di ieri, nella strada che collega Villabate a Misilmeri. “Deve morire qualcuno prima che l’Amministrazione si prenda le proprie responsabilità? Tra l’altro - dice a PalermoToday Vincenzo Mulè, gestore della pagina “Io amo Portella di Mare” - nessuno si è preso la briga di segnalare l’accaduto, quindi gli automobilisti arrivavano davanti all’albero e dovevano fare manovra per tornare indietro”.“Un altro albero è caduto ieri pomeriggio nella strada che collega Villabate a Misilmeri (foto in basso). "Deve morire qualcuno prima che Il Comune si assuma le proprie responsabilità? Tra l’altro - dice a PalermoToday Vincenzo Mulè, gestore della fanpage 'Io amo Portella di Mare' - nessuno si è preso la briga di segnalare l’accaduto, quindi gli automobilisti arrivavano davanti all’albero e dovevano fare manovra per tornare indietro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Potrebbe interessarti: http://www.palermotoday.it/cronaca/maltempo-fulmine-incendio-nube-nera-villabate.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/PalermoToday/115632155195201

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento