Piazza Bologni, venditore di rose ferito alla testa da una baby gang: cinque denunce

La vittima è stata trasferita in ambulanza in ospedale. La polizia è riuscita a bloccare e identificare i cinque minorenni che lo avrebbero aggredito e picchiato. Si indaga per chiarire le cause dell'accaduto

Piazza Bologni - foto d'archivio

Preso a calci e pugni e ferito alla testa da cinque minorenni forse solo per "divertimento". La vittima dell'aggressione è un giovane venditore di rose del Bangladesh che ieri notte, intorno alle quattro, è stato piccchiato in piazza Bologni. Sull'episodio indaga la polizia.

La baby gang avrebbe bloccato il venditore di rose in corso Vittorio Emanuele per chiedergli dei soldi. Il giovane si sarebbe rifiutato di fare quello che i cinque minorenni gli avrebbero chiesto. Da qui l'inseguimento e le violenze. Per cercare riparo la vittima è entrato in un locale. A quel punto i ragazzini gli avrebbero lanciato una sedia colpendolo alla testa. E' stato il proprietario del locale a chiamare la polizia e il 118. Gli agenti sono riusciti a bloccare e identificare i cinque aggressori, che sono stati denunciati, in piazza Casa Professa, a Ballarò. Il venditore di rose è stato trasferito in ambulanza in ospedale.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Sono da eliminare,purtroppo rimarranno impuniti,saranno delinquenti del domani

  • Purtroppo se non si corre ai ripari mettendo in atto da parte dello stato delle leggi che diano pene severe e certe, la situazione peggiorerà sempre di più. In Italia servono leggi severe per tutti e pene certissime. Non si può continuare in questo modo. Se i delinquenti restano impuniti stiamo certi che continueranno sempre più imperterriti a delinquere sicuri che non pagheranno come di dovere. Oggi i minorenni sanno benissimo che nessuno li toccherà e sono diventati molto peggiori degli adulti.

  • Piccini, si annoiavano, cercavano un diversivo, nuovi stimoli... vorrei conoscere i genitori, unici responsabili di tutto ciò...

  • I minorenni sono lo specchio esatto delle famiglie in cui crescono e vivono, quindi poi non ci si potrà stupire se ci saranno tra i parenti vicini e lontani, pregiudicati che dànno l'input a queste azioni miserabili.

  • Attento con i commenti si rischia una denuncia da parte di qualche pretucolo pro delinquenti, buonista, radical chic, il sovietico Giusto Catania, ex portaborse di Ollando etc etc etc etc etc

  • Avatar anonimo di Klauss
    Klauss

    Cose inutili figli di cose inutili.

  • Arrestateli , 6 mesi di lavoro duro a questi imbecillì !

  • poi se ne prendi qualcuno e lo mandi tu in ospedale vai in torto perché l'aggressore è minorenne

  • tanto a questi escrementi lo stato non gli un cacchio.questi sono i futuri delinquenti.prima o poi conosceranno il carcere.

  • L'educazione viene dalla culla...

  •  Portateli al riformatorio.

    • Che gran bel divertimento..

  • Piccole bestie crescono!!!!!se non si puniscono a dovere,ovvio che fanno u bulletti!!!bisogna calare il limite dei 18 anni sui reati!!!

Notizie di oggi

  • Politica

    Rap, ultimatum dei sindacati al Comune: "Basta ritardi o rischiamo di fare la fine dell'Amia"

  • Cronaca

    "I picciuli o ti finisci male": incappucciati, con pistola e accetta rapinano distributore di benzina

  • Attualità

    Da Jennifer Lopez a Jessica Alba e Megan Fox: il palermitano che pettina le star mondiali

  • Cronaca

    "Non pagava la tassa di soggiorno": Finanza sequestra 17 mila euro ad albergatore

I più letti della settimana

  • Boss si pente, terremoto nella mafia palermitana: arrestati il nipote del "Papa" e il figlio di Lo Piccolo

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, auto contro scooter: morto sedicenne

  • Via Oreto, muore d'infarto mentre è al volante

  • Inseguimento da film, furgone contromano in viale Regione si scontra con la polizia: 4 feriti

  • Maxi incidente al porto, coinvolte tre auto e una volante della polizia

  • Tragedia al Tc3, morto assicuratore: 10 anni fa attraversò lo stretto di Gibilterra a nuoto

Torna su
PalermoToday è in caricamento