Aggredito e rapinato a piazza Magione, notte di paura per lo chef del Bocum

Il giapponese Kazuki Obinata è stato accerchiato da alcuni malviventi che gli hanno portato via due smartphone e i contanti. Il suo titolare Franco Virga: "In un mese abbiamo subito tre furti: una violenza mai vissuta in quattro anni. Qualcuno intervenga"

Da sinistra lo chef Kazuki Obinata e il ristoratore Franco Virga (foto Facebook)

Chef aggredito e rapinato mentre torna a casa. Nottata da dimenticare per Kazuki Obinata, cuoco giapponese del Bocum di via dei Cassari, accerchiato a piazza Magione da alcuni malviventi a volto coperto. Gli hanno mollato un paio di pugni per portargli via due smartphone e dei contanti. "Stava andando a casa - spiega a PalermoToday Franco Virga, titolare del cocktail bar e del ristorante Gagini - ed è tornato sotto choc al locale, dove è stato soccorso dai suoi colleghi e riportato a casa. Percepiamo in zona, e più genericamente in città, meno sicurezza di un tempo: mi sembra di essere tornati al periodo della guerra".

Quello della notte appena trascorsa sarebbe solo l'ultimo episodio di quelli che hanno coinvolto, più o meno direttamente, l'imprenditore. "Da metà dicembre a oggi abbiamo subito due furti con scasso. L'ultimo - spiega Virga - la scorsa settimana, quando sono entrati nel ristorante e hanno portato via una macchina da caffè di ultima generazione, attrezzi, alcolici e alimenti vari per più di tremila euro. Il furto precedente è avvenuto nel cocktail bar, dove tra bottiglie pregiate e porta divelta mia hanno causato un danno complessivo da quattromila euro".

Nel mirino dei malviventi anche la responsabile della comunicazione dell'imprenditore che, dopo aver subito un furto in casa la settimana scorsa, vorrebbe lasciare Palermo per tornare al suo paese di origine. "Abbiamo paura. Siamo costretti - continua il ristoratore - a fronteggiare una violenza mai subita da quando abbiamo avviato l'attività quattro anni fa. Vicende che immagino siano causate dalle condizioni in cui si trova la nostra società. Non abbiamo nulla da ridire alle forze dell’ordine e alle istituzioni per i controlli amministrativi, che sono sacrosanti e che devono essere costanti, ma gradiremmo - conclude - sentirci più sicuri. Ci mettano in condizione di lavorare con più tranquillità".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Orlando come si suol dire in palermitano te cà mancia!!!

  • non vi preoccupate. Il nostro caro Sindaco dopo gli aumenti delle strisce blu si occuperà della criminalità cittadina

Notizie di oggi

  • Mafia

    Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

  • Politica

    Strage di Capaci, Mattarella: "Ricordare Giovanni, Francesca e gli agenti non sia rito formale"

  • Cronaca

    Omicidio Dainotti, Valeria Grasso: "Irresponsabile lasciare liberi i boss"

  • Mafia

    Diciassette anni di tormenti: imprenditore denuncia il pizzo, 4 arresti ad Altofonte

I più letti della settimana

  • Omicidio di mafia in via D'Ossuna, Giuseppe Dainotti ucciso in strada a colpi di pistola

  • Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

  • "Sesso con l'alunna di 14 anni": prof di religione finisce sotto processo

  • "Picchiata e violentata in uno scantinato", incubo per una donna alla stazione

  • Incidente sulla Palermo-Agrigento, coinvolte tre auto: giovane in prognosi riservata

  • Marito e moglie in manette: così l'eroina "palermitana" finiva nel chiosco di una scuola

Torna su
PalermoToday è in caricamento