Acqua a giorni alterni, via ai turni: si parte dal 12 febbraio?

Conto alla rovescia per il razionamento: si inizierà con la zona sud della città, ovvero Brancaccio. Poi si proseguirà con il centro per arrivare a Mondello. Ma da Comune e Amap smentiscono: "Ancora nessuna decisione ufficiale"

Via all'acqua a giorni alterni. Da subito (o quasi). Lunedì 12 febbraio partirà il razionamento con la zona sud della città, ovvero Brancaccio (ma da Comune e Amap smentiscono ogni decisione ufficiale). Poi si proseguirà con il centro per arrivare quindi a Mondello. Una soluzione che si era ormai resa necessaria perché che gli invasi che servono Palermo e la provincia sono a secco. L’acqua arriverà un giorno sì e due no. La turnazione riguarderà tutta la città ma verrà garantita la fornitura costante ad alcuni edifici di interesse strategico, quali ospedali e caserme dei vigili del fuoco.

Ispezione alla diga di Piana: "E' a secco"

Dal Comune intanto fanno sapere che in queste ore "l'Amap sta fornendo a tutti gli enti interessati le informazioni relative a tutte le azioni intraprese, le opere realizzate e la progettualità definitiva e utile per una efficace e immediata operatività conseguente alla dichiarazione dello stato di calamità naturale. Amap ha anche fornito il quadro storico dell'andamento delle precipitazioni, nonché della funzionalità e fruibilità dei diversi impianti e bacini che apportano acqua verso il capoluogo e la provincia. Nei prossimi giorni verrà completato e definito nel dettaglio ogni elemento tecnico perché - se non cambiassero le condizioni meteorologiche - il Commissario nominato dal Governo nazionale e dotato di poteri straordinari possa rendere operativi i progetti già definiti da Amap e possa valutare eventuali turnazioni".

Quindi la precisazione: "Va chiarito che ad oggi la turnazione non è stata decisa né, tantomeno, sono state previste date e orari specifici per singole aree della città. L'Amap e tutta l'Amministrazione comunale, in raccordo e su indicazione del Commissario si adopereranno, in caso di avvio delle turnazioni, per dare ai cittadini dettagliate e tempestive informazioni al fine di ridurre al minimo i disagi".

I tecnici regionali hanno fatto presente che le riserve d'acqua sono al minimo. Ed è attesa per venerdì dal Consiglio dei ministri la dichiarazione dello stato di calamità naturale. Il piano dell'Amap partirà dopo il via libera del Cdm. Intanto il Comune ha invitato tutti i cittadini a risparmiare acqua e a evitare sprechi. "Siamo in una situazione di grave crisi - ha ammesso negli scorsi giorni Orlando - e se davvero saremo costretti alla turnazione faremo di tutto per limitare i disagi ed in ogni caso gettando le basi strutturali perché la città sia dotata nel medio-lungo periodo di nuove fonti di approvvigionamento". Il via alla turnazione dell'acqua era stato anche certificato dalle dichiarazioni del vicesindaco Sergio Marino: "Siamo piombati nell'emergenza siccità e saremo costretti a partire con l'acqua a giorni alterni. A meno che il tempo non ci aiuti". E il tempo non ha aiutato Palermo perché le danze della pioggia non sono servite a nulla.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento