Acli Palermo, Nino Tranchina alla guida

Ad eleggere Tranchina è stato il consiglio provinciale proclamato il 19 marzo scorso nell'ambito del 25° congresso svoltosi a Palermo : 21 componenti in tutto, tra i quali il più votato è stato Toni Costumati; il diretto interessato ha però declinato la possibilità di tornare alla guida delle Acli, optando per un impegno diretto in politica, attualmente in seno alla segreteria provinciale del PD.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Eletto il nuovo presidente provinciale delle Acli di Palermo. Si tratta di Nino Tranchina, che per l'organizzazione non rappresenta certo una nuova conoscenza: funzionario della Prefettura di Palermo, ha ricoperto vari ruoli all'interno delle Acli, per le quali è stato vice presidente vicario uscente e responsabile dello sviluppo associativo durante la presidenza di Toni Costumati.

Il nuovo presidente ha all'attivo anche un lungo impegno sindacale maturato nell'ambito della Cisl. Ad eleggere Tranchina è stato il consiglio provinciale proclamato il 19 marzo scorso nell'ambito del 25° congresso svoltosi a Palermo: 21 componenti in tutto, tra i quali il più votato è stato Toni Costumati; il diretto interessato ha però declinato la possibilità di tornare alla guida delle Acli, optando per un impegno diretto in politica, attualmente in seno alla segreteria provinciale del PD.

Il nuovo consiglio ha a sua volta scelto la presidenza : oltre a Tranchina, essa risulta composta da Francesco Todaro, Domenico De Lisi, Gaspare Carbone, Nunzio Maniaci, Maria Pia Avara ed Ignazio Beninati. Quest'ultimo, presidente uscente, nei giorni scorsi, aveva già manifestato la propria indisponibilità a svolgere un ulteriore mandato.

Torna su
PalermoToday è in caricamento