Abusi sessuali su una ragazzina di 13 anni, parroco finisce in carcere

I carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione per don Paolino Marchese, 51enne originario di Pollina, condannato anche in appello. Le violenze nella chiesa di Aliminusa. E' stato portato al Cavallacci di Termini Imerese

Don Paolino Marchese

"Don Paolino mi ha violentata". I carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione per don Paolino Marchese, 51 anni, condannato anche in appello. Il sacerdote è stato portato al Cavallacci di Termini Imerese. La denuncia è arrivata da una ragazza che oggi ha 22 anni, ma la storia risale al 2007. Aiutata dai genitori, la ragazza che aveva la vocazione per diventare suora e frequentava assiduamente la parrocchia di Aliminusa, paesino arroccato nelle Madonie, un anno fa ha deciso di rompere il silenzio e denunciare tutto ai carabinieri, dopo un lungo silenzio.

In secondo grado il sacerdote originario di Pollina è stato condannato a cinque anni e mezzo, sei in primo grado. La giovane sarebbe stata abusata più volte dal prete durante gli abituali incontri organizzati in parrocchia. Una vicenda che aveva dolorosamente segnato l'adolescenza della vittima, che da quel momento non era più riuscita ad avvicinarsi a un coetaneo senza provare un forte senso di vergogna. Convinta che nessuno le avrebbe creduto, ha tenuto la bocca cucita per un tempo fin troppo lungo. "Gli accertamenti che ne sono scaturiti - è la versione data dai carabinieri - hanno consentito di delineare un quadro indiziario a carico del religioso, ritenuto dagli investigatori solido". Nel processo la vittima era parte civile: la rappresentava l’avvocato Paolo Grillo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento