Porto, sospette infiltrazioni mafiose Sequestrati beni per oltre 2 milioni

Ecco quanto emerge da alcune indagini congiunte della Procura distrettuale antimafia e della Direzione investigativa antimafia del capoluogo siciliano su alcune società che operano a Palermo e Termini Imerese

Il porto di Palermo

Sospette infiltrazioni mafiose nel porto di Palermo. È quanto emerso da indagini congiunte della Procura distrettuale antimafia e della Direzione investigativa antimafia del capoluogo siciliano. Le indagini avrebbero accertato alcune infiltrazioni mafiose all'interno delle società che gestiscono i servizi nell'area portuale di Palermo e Termini Imerese (Pa), di fatto in regime di monopolio. La Sezione misure di prevenzione del Tribunale ha disposto l'amministrazione giudiziaria di tre società e il sequestro dei beni a carico di quattro persone ritenute vicine ad alcune famiglie mafiose di Palermo. Il valore dei beni sequestrati supera i 2,5 mln.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ordine di Orlando, campo Rom da sgomberare: "Addio baracche, il parco ai palermitani"

    • Elezioni comunali 2017

      Elezioni: alfaniani divisi nella corsa a Palazzo delle Aquile, il Pd rimescola le carte

    • Cronaca

      Brancaccio, maxi sequestro di hashish e cocaina grazie a una "soffiata": un arresto

    • Cronaca

      Blitz allo Zen e all’Uditore, trovate piantagioni di marijuana: due arresti

    I più letti della settimana

    • Incidente in Favorita, con la moto fuori strada: morto un poliziotto

    • Incidente sulla Palermo-Mazara, scontro fra 3 auto: lunghe code

    • Le due ruote, il Palermo, la famiglia, l'ultima curva: "Ciao Salvo, ci mancherai"

    • Cinesi (finti) a Palermo per "prendersi" i posteggiatori abusivi: "Dateci 50 mila euro"

    • "O niesci a droga o ni runi i picciuli": calci e bastonate, arrestati due fratelli dello Zen

    • Pestato nel traffico in piazza Nascè, sabato sera da incubo per un consigliere

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento