Porto, sospette infiltrazioni mafiose Sequestrati beni per oltre 2 milioni

Ecco quanto emerge da alcune indagini congiunte della Procura distrettuale antimafia e della Direzione investigativa antimafia del capoluogo siciliano su alcune società che operano a Palermo e Termini Imerese

Il porto di Palermo

Sospette infiltrazioni mafiose nel porto di Palermo. È quanto emerso da indagini congiunte della Procura distrettuale antimafia e della Direzione investigativa antimafia del capoluogo siciliano. Le indagini avrebbero accertato alcune infiltrazioni mafiose all'interno delle società che gestiscono i servizi nell'area portuale di Palermo e Termini Imerese (Pa), di fatto in regime di monopolio. La Sezione misure di prevenzione del Tribunale ha disposto l'amministrazione giudiziaria di tre società e il sequestro dei beni a carico di quattro persone ritenute vicine ad alcune famiglie mafiose di Palermo. Il valore dei beni sequestrati supera i 2,5 mln.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ponte Corleone, cambia la tabella di marcia: lavori di notte e via libera alle auto di giorno

  • Cronaca

    L'Orchestra Sinfonica in piazza, processioni ed eventi: le strade chiuse nel weekend

  • Cronaca

    Pride, mostre e festival in un corteo lungo tre mesi: "Il ministro? E' l'Italia a spaventarci"

  • Cronaca

    "Tutto abusivo all'Acapulco e cibo in cattivo stato": maxi sequestro, denunciato anche un 91enne

I più letti della settimana

  • Mondello, seduto in acqua viene colto da infarto: muore davanti alla riva

  • Incidente in via dei Cantieri, investita da un camion: gravissima una donna

  • Addio Serie A, il giudice sportivo rigetta il reclamo del Palermo

  • Auto giù dal ponte sul traghetto Napoli-Palermo schiaccia due passeggeri: un morto

  • Giovane ferito con una pistola, il titolare del pub: "Che paura, abbiamo rischiato grosso"

  • Amat profondo rosso, aut aut al Comune: "Dal primo agosto pronti a fermare il tram"

Torna su
PalermoToday è in caricamento