Porto, sospette infiltrazioni mafiose Sequestrati beni per oltre 2 milioni

Ecco quanto emerge da alcune indagini congiunte della Procura distrettuale antimafia e della Direzione investigativa antimafia del capoluogo siciliano su alcune società che operano a Palermo e Termini Imerese

Il porto di Palermo

Sospette infiltrazioni mafiose nel porto di Palermo. È quanto emerso da indagini congiunte della Procura distrettuale antimafia e della Direzione investigativa antimafia del capoluogo siciliano. Le indagini avrebbero accertato alcune infiltrazioni mafiose all'interno delle società che gestiscono i servizi nell'area portuale di Palermo e Termini Imerese (Pa), di fatto in regime di monopolio. La Sezione misure di prevenzione del Tribunale ha disposto l'amministrazione giudiziaria di tre società e il sequestro dei beni a carico di quattro persone ritenute vicine ad alcune famiglie mafiose di Palermo. Il valore dei beni sequestrati supera i 2,5 mln.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Rapine in Emilia con base a Palermo: tra gli arrestati il figlio di un boss ucciso

    • Mafia

      Carini, sequestrata area nella zona industriale: si cercano due corpi sepolti

    • Cronaca

      Lo sciopero della fame non basta, il Gonzaga chiude ai lavoratori: "Tagli necessari"

    • Cronaca

      Alunni disabili senza assistenza: genitori si incatenano ai cancelli dell'istituto Majorana

    I più letti della settimana

    • Fa 600 euro di "spesa" (con una tv 32 pollici) e tenta di non pagare: arrestato al Forum

    • Noce, si sporge dal balcone per prendere una pen drive e cade: grave un poliziotto

    • Pugni in testa a un'anziana per rubarle i contanti appena prelevati: arrestato

    • Allarme tram: "Costi altissimi, se Orlando non trova i soldi le corse saranno sospese"

    • Viaggiano in 14 in una macchina: "Stiamo tornando da una festa"

    • Donna muore all'Ismett, famiglia aggredisce medici e infermieri: interviene la polizia

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento